20 settembre 2021
Aggiornato 07:00
social network

Perché tra 5 anni Facebook sarà fatto solo di video e niente testo scritto

Gli iscritti a Facebook guardano in media 100 milioni di ore di video al giorno sui dispositivi mobili. Un dato che porta a credere che tra 5 anni la piattaforma sarà costituita principalmente da contenuti audiovisivi

ROMA - Da una parte un social network che vede sempre meno condivisioni, dall’altra utenti che utilizzano Facebook  per informarsi, distrarsi, divertirsi e lo fanno sempre di più guardando i video che la piattaforma propone, attraverso i suoi utenti medesimi. Ed è per questo che tutto lascia credere che fra un massimo di 5 anni Facebook sarà solo costituito da video. Niente più testo scritto, sarà lasciato nel dimenticatoio e ce ne scorderemo come tutte le altre cose che, con l’accelerazione tecnologica, finiranno nello scantinato. A fare previsioni per il futuro è soprattutto Nicola Mendelsohn, vice presidente del popolare social network per Europa, Medio Oriente e Africa. "Se dovessi fare una scommessa direi: video, video, video", ha spiegato alla platea del Most Powerful Women International Summit di Fortune che si è tenuto a Londra.

Tra 5 anni Facebook sarà fatto solo di video
Del resto stiamo parlando di 8 miliardi di visualizzazioni quotidiane dei video sulla piattaforma Facebook, grazie anche al lancio delle dirette streaming, funzione che sta assumendo sempre più il carattere di una colonna portante. "Il miglior modo per raccontare una storia ai tempi d'oggi è il video, fornisce molte informazioni in pochissimo tempo", ha aggiunto Mendelsohn. Storytelling, in poche parole. Una realtà che ancora non ha coinvolto tutti i settori, ma che lo farà molto presto. I testi scritti sono praticamente spariti, vuoi perché i video sono più immediati, vuoi perché - molto spesso - risultano meno personali e gli utenti non hanno più voglia di spiattellare a chiunque la loro quotidianità. Di fatto, gli iscritti a Facebook guardano in media 100 milioni di ore di video al giorno sui dispositivi mobili. Ad andare per la maggiore sono soprattutto i video «dietro le quinte» di Facebook Live, un fenomeno grande e veloce che nell'area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa, ndr) conta 433 milioni di utenti.

Video Live di Facebook
La vera rivoluzione è costituita dai video live di Facebook, diventata una vera ossessione per gli utenti della piattaforma. Una sfida che Mark Zuckerberg ha lanciato a Periscope di Twitter nel 2015, ma che a oggi vede la potenza di 1,65 miliardi di utenti del social network blu. In questo anno a 'Live' sono state aggiunte nuove opzioni di personalizzazione, una mappa per cercare le dirette video dal telefonino in tempo reale e soprattutto sono stati abbattuti i limiti di tempo, passati da 90 minuti a dirette streaming non-stop. Di fatto, avere molti più video sulla piattaforma comporterebbe avere, inoltre, molti più utenti sul sito, dato che visualizzare un filmato è spesso un’operazione piuttosto lunga, in ogni caso più lunga che leggere un commento. I visionari vedono quindi la scomparsa, nell’era digitale, della forma scritta, a discapito dello storytelling video. Preparatevi a smanettare con i programmi di videoediting.