19 agosto 2019
Aggiornato 16:00
viaggia a 75 Km/h

Archimede Solar Car 1.0, la prima auto elettrica a pannelli fotovoltaici

Si tratta di un'auto elettrica lunga 4,5 mentri e completamente ricoperta da pannelli fotovoltaici con un'autonomia energetica potenzialmente illimitata. L'auto è in grado di raggiungere i 75 Km orari

CATANIA - L'auto del futuro utilizzerà l'energia solare per muoversi. La novità è tutta Made in Italy e arriva dritta dritta dalla Sicilia. Si chiama Archimede Solar Car 1.0 ed è il primo prototipo creato da Onlus, azienda specializzata nella mobilità sostenibile in Sicilia, con la collaborazione di un team di studenti universitari, il Comune di Sicuracusa e l'azienda Eenecom Power Hf di Torino.

La macchina a pannelli solari
Si tratta di un'auto elettrica lunga 4,5 mentri e completamente ricoperta da pannelli fotovoltaici con un'autonomia energetica potenzialmente illimitata. L'auto è in grado di raggiungere i 75 Km orari ed è un vero esempio di mobilità ecologica. Archimede Solar Car 1.0 parteciperà a un importante evento del settore a Londra che si svolgerà nei mesi estivi, ma non si esclude che possa essere presentata anche al Motorshow di Bologna. "L'auto realizzata in Sicilia è un vero e proprio laboratorio viaggiante su ruote - ha affermato il prof. Lanzaframe ordinario di Macchine e sistemi energetici dell'ateneo etneo e vice presidente della Electric & New Energy Championships Commission della Fia -. E' il frutto della sinergia tra università ed un pool di piccole aziende e supportato dall'impegno dei nostri studenti laureandi a dimostrazione che è possibile conseguire un nuovo di modello di mobilità sostenibile a partire dalla condivisione col territorio dei nuovi paradigmi energetici decarbonizzati".

Vita del motore teoricamente infinita
I pannelli solari sono il vero motore della vettura e forniscono l’energia necessaria al funzionamento del prototipo. La tecnologia utilizza celle al silicio monocristallino che garantiscono, in media, un rendimento del 18/19%, garantendo su una superficie di 6 metri quadri una potenza di circa 1000W con una tensione di esercizio di 96 vcc. Due i motori di tipo »brushless», montati nel retrotreno, direttamente del mozzo e a magneti permanenti che a differenza di un motore a spazzole non ha bisogno di contatti elettrici striscianti sull’albero motore per poter funzionare. Questa tecnologia permette di garantire una vita attesa del motore teoricamente infinita.