18 agosto 2019
Aggiornato 13:00
anniversario dalla nascita

Il doodle di Google ad Alda Merini

Google festeggia oggi, 21 marzo, la nascita della scrittrice e poetessa italiana Alda Merini con un doodle: in questa giornata avrebbe compiuto 85 anni

ROMA - Il doodle di Google celebra oggi la nascita di Alda Merini, poetessa italiana di grande pregio e stima. Una donna nata nel giorno della primavera come recita più o meno il titolo di una delle sue ultime raccolte di poesia. Per celebrare 85 anni dalla sua nascita Google le regala un doodle, una donna con in mano un libro, lo sguardo sicuro anche se con una vena di malinconia, il sentimento un po’ tipico di tutti i grandi artisti come lei. Niente animazioni: il doodle è statico, in segno di rispetto per una donna che ha vissuto al limite.

Il doodle ad Alda Merini
Alda Merini nasce a Milano nel marzo del 1931 da una famiglia modesta. Della sua infanzia si conosce ciò che lei stessa scrisse in alcune sue biografie: «ragazza sensibile e dal carattere malinconico, piuttosto isolata e poco compresa dai suoi genitori».  Esordisce come autrice giovanissima, a soli quindici anni, sotto la guida di Giacinto Spagnoletti che scoprì il suo talento artistico. Nel 1947, la Merini incontra "le prime ombre della sua mente" e viene internata per un mese nella clinica Villa Turro a Milano. Uscita dalla clinica comincia la sua ascesa con la pubblicazione di raccolte, opere e poesie. Una vita sofferta, madre di 4 faglie, rimbalzata tra la vita reale e la clinica, periodi di salute e malattia probabilmente dovuti al disturbo bipolare, del quale hanno patito anche altri grandi poeti ed artisti quali Charles Baudelaire, Ernest Hemingway, Francis Scott Fitzgerald, George Gordon Byron, August Strindberg e Virginia Woolf. Il 17 ottobre 2007 la poetessa ottiene la laurea honoris causa in, "Teorie della comunicazione e dei linguaggi" presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Messina, tenendo una lectio magistralis sui meandri tortuosi del suo vissuto. Muore il 1° novembre del 2009.