25 novembre 2020
Aggiornato 19:30
Difesa

La Marina americana si ispira a «Star Wars»

Raggi laser per abbattere droni e cannoni elettrici che sparano proiettili a velocità ipersoniche: sono le armi futuristiche in stile «Star Wars» che saranno presto istallate su navi della Marina americana in Maine, New England

NEW YORK - Raggi laser per abbattere droni e cannoni elettrici che sparano proiettili a velocità ipersoniche: sono le armi futuristiche in stile «Star Wars» che saranno presto istallate su navi della Marina americana in Maine, New England.

L'esercito, scrive il Washington Post, ha intenzione di montare il suo primo laser su una nave da guerra alla fine di quest'anno e vorrebbe testare il primo prototipo di cannone elettromagnetico nel giro di due anni. Per la Marina se queste armi dovessero prender piede, più che un'operazione da film del futuro, rappresenterebbero un grande risparmio economico. Entrambe le nuove armi hanno infatti costi risibili rispetto a cannoni e «bombe intelligenti», inoltre possono far fuoco continuamente senza esaurirsi come i tradizionali arsenali.

Se ogni missile intercettore classico ha un costo di almeno un milione di dollari, un laser - invisibile all'occhio umano, a differenza di come vengono rappresentati nei film - avrebbe bisogno di soli 30 kilowatt di elettricità, cioè pochi dollari per colpo.

Questo tipo di tecnologia «cambia radicalmente il nostro modo di combattere», ha fatto sapere il capitano Mike Ziv, direttore del programma Naval Sea Systems Command per le armi ad energia diretta ed elettronica. Altre nazioni starebbero sviluppando la stessa tecnologia, ma come ricorda il Washington Post, gli Stati Uniti avrebbero un vantaggio di anni sugli altri.