19 ottobre 2019
Aggiornato 14:30
L'America si prepara alla sua presidenza

Donald Trump, un Presidente fuori dalle righe e dagli schemi

Non ci sono grandi certezze su come sarà Donald Trump da presidente degli Stati Uniti, tranne una: sarà sicuramente diverso da tutti gli altri

STATI UNITI - Non ci sono grandi certezze su come sarà Donald Trump da presidente degli Stati Uniti, tranne una: sarà sicuramente diverso da tutti gli altri. Il 45esimo inquilino della Casa Bianca sarà il più vecchio, fa il suo ingresso nello Studio Ovale a 70 anni compiuti, e il più ricco, è fra i primi 500 al mondo secondo la classifica di Forbes.

Spigolosità del suo carattere
Le spigolosità del suo carattere, emerse in tutta la loro forza in campagna elettorale e nei mesi precedenti all'insediamento, sono da ricercare nella sua storia personale secondo il suo biografo, Michael D'Antonio, che ha raccontato nel libro «La verità su Trump» la sua vita, a partire dalla decisione del padre di mandarlo in una scuola militare. «Donald è stato formato da questi uomini molto aggressivi, iper- macho che credevano che il potere conferisca dei diritti, che la vita sia una questione di gerarchia: più potente, ricco e grande sei, più puoi comandare i ragazzi che non lo sono».

L'ombra del padre
E' il padre di Trump l'uomo d'affari che ha costruito la fortuna di famiglia. Un'ombra da cui il figlio cerca di uscire il prima possibile, con i suoi progetti immobiliari a Manhattan negli anni Ottanta, coronati dalla Trump Tower, e con l'obiettivo, raggiunto, di non bucare mai un titolo sui giornali, nel bene o nel male. «Lui ha presentato se stesso come una persona forte molto più quanto si possa ragionevolmente essere, più ricco di quella che era, più di successo, più brillante: ed era tutto marketing personale. Così quando è venuto il momento di fare politica, è stato naturale per lui».

Gli anni 90, il periodo peggiore
Negli anni '90 inizia il periodo peggiore per gli affari del futuro presidente degli Stati Uniti: perde la sua linea aerea, falliscono i casinò ad Atlantic City; eppure riesce a uscirne, mantiene la fama di mago degli affari e si ricicla come conduttore televisivo in The Apprentice. Il Trump politico copia dal Trump televisivo quei modi diretti e imprevedibili che tanto spesso sfociano in dichiarazioni sopra le righe e controverse: più urtano i suoi detrattori, più piacciono ai suoi elettori.

Rendere l'America di nuovo grande
«Il paese ha bisogno di un uomo d'affari per il cambiamento. Noi abbiamo avuto troppi politici deboli, abbiamo bisogno di qualcuno che renda più forte il paese», dice uno dei suoi sostenitori. Un uomo forte e di successo, pronto a cambiare il Paese. Oppure un uomo autoritario e fallimentare, pronto a sfasciarlo. Qualunque delle due sia la risposta giusta alla domanda su chi sia Trump, resta la certezza che non sarà un presidente come gli altri.