5 morti

Sparatoria in Florida, il killer è un ex militare con problemi psichici

L'uomo che ha sparato all'interno dell'aeroporto di Fort Lauderdale ha ucciso 5 persone con un'arma regolarmente registrata. Era stato in missione in Iraq

FORT LAUDERDALE - L'uomo che ha sparato all'interno dell'aeroporto di Fort Lauderdale in Florida uccidendo 5 persone è un ex militare con problemi mentali di 26 anni. Esteban Santiago, questo il suo nome, nel novembre scorso era andato in un ufficio dell'Fbi di Anchorage, in Alaska dove viveva, raccontando che l'intelligence americana lo controllava e lo forzava a guardare video dello Stato Islamico.

La strage in aeroporto
Gli agenti, dopo aver verificato che non c'erano indizi di contatti con l'estremismo islamico o di radicalizzazione, lo hanno fatto portare in ospedale per controlli psicologici. Non è ancora chiaro cosa ha fatto scattare nella sua mente la volontà di compiere una strage: secondo la dinamica ricostruita dagli agenti, il ragazzo appena sceso da un volo partito dall'Alaska ha recuperato la sua pistola, regolarmente registrata ed imbarcata nella stiva in un contenitore apposito, così come stabilito dalle leggi americane. L'ha caricata in bagno e ha cominciato a seminare il panico in aeroporto finché ha lasciato l'arma, si è sdraiato, e ha aspettato l'arrivo della polizia che lo ha arrestato senza sparare un colpo.