23 settembre 2020
Aggiornato 05:30
Terrorismo islamico

Attentato di Istanbul: il racconto del manager del Reina

Ali Unal racconta di quegli attimi in cui un terrorista ha aperto il fuoco uccidendo 39 persone: «Ho visto gente che correva, ho chinato la testa, sono esplosi colpi da fuoco, in quel momento ho compreso che stava succedendo qualcosa e mi sono gettato all'indietro»

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/01/20170103_video_14114289.mp4

ROMA - Quella terribile notte di Capodanno, al Reina di Istanbul, c'era anche il manager della discoteca, Ali Unal, quando un terrorista ha aperto il fuoco uccidendo 39 persone.

Il suo racconto: "Ho visto gente che correva, ho chinato la testa, sono esplosi colpi da fuoco, in quel momento ho compreso che stava succedendo qualcosa e mi sono gettato all'indietro. L'attentatore è arrivato alla porta e ha aperto il fuoco verso di me. Mi ha colpito il piede e sono caduto a terra; ma i colpi non si fermavano e schizzavano sopra le teste». "C'erano tantissimi stranieri. Credo che l'obiettivo fosse quello di avere un impatto mediatico mondiale, ed è quello che è successo".