24 ottobre 2019
Aggiornato 06:30
Stati Uniti

Donald Trump: «I Biden erano corrotti! I media forse lo sono anche di più»

Lo ha scritto su Twitter il presidente degli USA in un'escalation di attacchi contro i democratici, che hanno aperto un'indagine per un possibile impeachment

Il democratico Joe Biden
Il democratico Joe Biden ANSA

NEW YORK - «I Biden erano corrotti! [...] E i media potrebbero essere anche più corrotti dei Biden, cosa difficile!». Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'escalation di attacchi contro i democratici, che hanno aperto un'indagine per un possibile impeachment del capo di Stato per la telefonata avuta con il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. Il presidente si è nuovamente difeso, affermando che era interessato «alla corruzione [nel Paese, ndr] e al perché Germania, Francia e altri nell'Unione europea non facciano di più per l'Ucraina. Perché sono sempre gli Stati Uniti a fare molto e a mettere così tanti soldi per l'Ucraina e altri Paesi? Comunque, i Biden erano corrotti!». In un secondo tweet, ha scritto: «I media Fake News vogliono restare lontani il più possibile dagli accordi con Cina e Ucraina fatti dai Biden. I media corrotti sono così negativi per il nostro Paese! I media potrebbero persino essere più corrotti dei Biden, cosa difficile!».

Il ruolo dell'Unione Europea

Trump chiese a Zelensky di indagare sull'ex vicepresidente Joe Biden e sul figlio Hunter, offrendo la collaborazione del segretario alla Giustizia Usa, William Barr, e del suo avvocato Rudy Giuliani. Dal documento sulla telefonata diffuso dalla Casa Bianca, che si basa su «note e ricordi» delle persone presenti nella Situation Room e dei membri del Consiglio di sicurezza nazionale, emerge che Trump, prima di chiedere al presidente ucraino di indagare sul figlio di Biden, gli ricordò che gli Stati Uniti inviano aiuti a Kiev, mentre l'Unione europea non fa abbastanza. Secondo le trascrizioni, Trump non fece un esplicito collegamento tra gli aiuti statunitensi - bloccati una settimana prima, nonostante la contrarietà del Pentagono e di tutte le agenzie federali interpellate - e un'indagine su Hunter Biden. Zelensky rispose che il presidente statunitense «aveva assolutamente ragione» a dire che i Paesi europei «non fanno quanto dovrebbero per l'Ucraina».

Trump ipotizza arresto per tradimento del deputato Schiff

«Il deputato Adam Schiff ha illegalmente inventato una falsa e terribile dichiarazione, facendo finta di essere me durante la parte più importante della mia telefonata con il presidente ucraino, e l'ha letta ad alta voce al Congresso e al popolo americano. Non aveva nessuna relazione con quello che ho detto. Arresto per tradimento?». Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha duramente attaccato, su Twitter, il deputato democratico Schiff, che guida la commissione Intelligence del Senato. Giovedì, Schiff ha parafrasato il contenuto della telefonata tra Trump e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, durante l'audizione della commissione che guida. «Il deputato Adam Schiff ha letto al Congresso, in modo fraudolento, con milioni di persone che guardavano, una versione della mia conversazione che non esiste. Avrebbe dovuto leggere - aveva poi scritto Trump su Twitter - l'esatta trascrizione della chiamata, ma ha completamente cambiato le parole per renderla orribile, e farmi apparire colpevole. Era disperato ed è stato scoperto. Adam Schiff ha di conseguenza mentito al Congresso e cercato di truffare il pubblico americano. Lo fa da due anni. Chiedo che si dimetta immediatamente dal Congresso per questa frode!».