15 ottobre 2019
Aggiornato 05:30
Esteri

«I duri sull'immigrazione ora sono vincenti»: Trump applaude all'Italia di Conte e Salvini

Per il presidente Usa «serve costruire un muro che ci difenda tutti». E critica i democratici, «deboli sulla questione migranti, e quindi sconfitti»

NEW YORK - Giuseppe Conte? «Il nuovo presidente del Consiglio italiano è eccezionale». La linea dura dei nuovi leader politici europei, Matteo Salvini in testa? «Sembra che quelli forti sull’immigrazione prevalgano adesso». Con queste parole il presidente statunitense, Donald Trump, ha raccontato in un'intervista a Fox News le sue prime impressioni sul nuovo governo italiano dopo l'incontro con il presidente Giuseppe Conte al G7 in Canada. E se per continuare la battaglia «vincente» sul fronte immigrazione «dobbiamo costruire un muro che ci difenda tutti», le critiche nei confronti dei democratici sono proprio sulla questione migrante: «Si sono mostrati deboli. Per questo sono stati sconfitti».

Usa pronti a uscire dall'Alto commissariato per i diritti umani
Intanto gli Stati Uniti si preparano a lasciare l'Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite, che lunedì a Ginevra inizierà una sessione che durerà fino al 3 luglio. L'amministrazione Trump aveva già criticato alcune posizioni interne del commissariato dell'Onu: l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite, Nikki Haley, aveva detto che Washington avrebbe lasciato se non fossero stati rimossi «i pregiudizi cronici contro Israele». Una fonte anonima alle Nazioni Unite ha detto al quotidiano israeliano Haaretz che il ritiro degli Usa è «imminente», ma non ha dato altri dettagli.

Ok a tendopoli lungo confine Messico per bimbi migranti
Nelle stesse ore l'amministrazione americana ha dato il via libera alla costruzione di una tendopoli lungo il confine con il Messico, in Texas, per ospitare i bambini migranti che sono sotto la custodia del governo Usa. I bambini che viaggiano da soli o che sono stati separati dalle loro famiglie possono essere trattenuti dalla polizia americana. Allo stesso tempo Donald Trump ha anche dato il via libera alla separazione dei minori dalle loro famiglie, inclusi quelli che stanno chiedendo asilo politico negli Stati Uniti. Si tratterebbe di una strategia per scoraggiare il flusso di migranti verso il confine Usa. La nuova tendopoli sarà pronta nei prossimi giorni, si trova a 55 chilometri a sud di El Paso e ospiterà 360 bambini, secondo quanto scrivono i media americani. Un centro temporaneo molto simile a quello che sta costruendo Trump era già stato creato nel 2016 per bambini non accompagnati e famiglie con bambini. Nel frattempo gli oltre 100 centri sparsi per il paese sono pieni: uno dei più grandi del Texas ha al suo interno 1.500 ragazzi tra i 10 e i 17 anni. Politici democratici e attivisti stanno protestando contro le politiche dell'amministrazione che prevedono la separazione dei minori dalle famiglie. Trump invece sostiene che la separazione sia «colpa di una cattiva legge» voluta dai democratici. I democratici hanno sottolineato che nessuna parte della legge sull'immigrazione prevede la separazione dei minori dalle loro famiglie.