20 agosto 2019
Aggiornato 03:30
Caso spia russa

Mosca tuona: «imperdonabile» collegare Putin ad avvelenamento Skripal

La risposta del portavoce Cremlino, Peskov alle recenti accuse del ministro degli Esteri britannico Boris Johnson

MOSCA - Collegare il presidente russo Vladimir Putin all'avvelenamento dell'ex spia russa Sergey Skripal, come ha fatto il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, è un atto «imperdonabile»: lo ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.  Menzionare Putin nel contesto dell'avvelenamento di Skripal «non rappresenta altro che un comportamento scioccante e imperdonabile dal punto di vista diplomatico», ha concluso Peskov. Johnson aveva dichiarato che la decisione di agire contro Skripal in territorio britannico e utilizzando un agente nervino era stata con ogni probabilità adottata dal Presidente russo; Peskov ha ribadito che Mosca «non ha nulla a che vedere con questa storia».

Indagine
Intanto, il Comitato investigativo russo ha aperto un'indagine penale sull'omicidio del socio di Boris Berezovsky, Nikolai Glushkov, e sul tentato omicidio della figlia della ex spia russa Sergei Skripal, Julia Skripal, in Gran Bretagna. Secondo gli investigatori russi «sono indagini particolarmente importanti» l'inchiesta penale sulla morte di Nikolai Glushkov, l'ex top manager di «Aeroflot» e alleato di Boris Berezovsky, e sul tentato omicidio della figlia dell'ex colonnello dei servizi segreti militari russi Gru. Per quanto riguarda Julia Skripal - la 33enne trovata in fin di vita accanto su una panchina di un centro commerciale a Salisbury, Sud dell'Inghilterra - si parla di «tentato omicidio premeditato di un cittadino della Federazione russa», per Glushkov di «omicidio». Gli investigatori russi hanno aggiunto che sono pronti a collaborare con le autorità competenti della Gran Bretagna. La morte del 69enne Glushkov, che in Russia era coinvolto in un caso di appropriazione indebita e che aveva ottenuto l'asilo in Gran Bretagna, è divenuta nota il 13 marzo. Il suo corpo è stato scoperto da sua figlia Natalia in un appartamento alla periferia di Londra. I conoscenti del defunto hanno riferito che c'erano segni di strangolamento sul suo corpo. La polizia di Londra non ha ancora rilasciato commenti ufficiali sulla causa della morte di Glushkov.

La figlia in ospedale
Julia Skripal è attualmente in ospedale con suo padre, ex colonnello GRU - i servizi segreti militari - Sergei Skripal. Secondo gli investigatori britannici, entrambi hanno ricevuto un avvelenamento grave con un agente chimico. Le autorità britanniche hanno accusato di coinvolgimento nell'avvelenamento la Russia, sostenendo che la sostanza potrebbe essere stata prodotta in Russia e hanno ordinato l'espulsione di 23 diplomatici russi, oltre alla sospensione dei contatti bilaterali ad alto livello.

Risposta russa a Londra
La risposta russa alle misure punitive decise dalla Gran Bretagna per il caso dell'ex spia russa avvelenata con una sostanza tossica in Inghilterra può arrivare «in qualsiasi momento»: lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, parlando alla stampa a Mosca. Il portavoce ha aggiunto che "saranno ben ponderate" Peskov ha sconsigliato di usare "tali apocalittiche espressioni come guerra fredda" per descrivere la crisi in corso tra Gran Bretagna e Russia. "Presto o tardi la parte britannica dovrà fornire, quantomeno ai suoi partner, qualche tipo di ragionevole prova - ha sostenuto il portavoce del presidente Vladimir Putin - presto o tardi bisognerà confermare le accuse con qualcosa di concreto etc.. per ora questo non l'abbiamo visto".

(fonte Afp)