26 gennaio 2020
Aggiornato 12:00
E' terrorismo

Attentato a Stoccolma, 4 morti. 2 arresti: l'autore uzbeko simpatizzante dell'Isis

Nella capitale svedese Stoccolma un camion è stato lanciato contro la folla su una strada pedonale molto frequentata, la Drottninggatan, nel centro città attorno alle 15

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/04/20170407_video_16280419.mp4

STOCCOLMA - Nella capitale svedese Stoccolma un camion è stato lanciato contro la folla su una strada pedonale molto frequentata, la Drottninggatan, nel centro città attorno alle 15. Il camion era rubato, secondo fonti di informazione tedesche, e dopo aver falcidiato la folla si è schiantato contro la vetrina di un centro commerciale, provocando un incendio. La polizia ha confermato che almeno 4 persone sono rimaste uccise e che ci sono almeno 15 feriti. 

Terrorismo?
Il primo ministro ha confermato che si tratta di un atto terroristico. Anche secondo i servizi di sicurezza svedesisi tratta di un attentato. Il camion, dicono sempre i media svedesi, sarebbe stato dirottato, e al momento ci sarebbero due persone arrestate. 

2 arresti
Uno dei due arrestati, secondo la polizia, sarebbe proprio l'autore dell'attentato, un cittadino uzbeko di 39 anni, padre di 4 figli e simpatizzante dei jihadisti del sedicente Stato islamico, fermato a Marsta, a circa 40 Km da Stoccolma, nella serata del 7 aprile. «La persona che abbiamo fermato corrisponde perfettamente alla descrizione del sospettato di cui avevamo rilasciato una fotografia - ha spiegato Jan Evensson, direttore aggiunto dell'ufficio inchieste della polizia svedese - noi comunque non allentiamo la pressione, proseguiamo le indagini e invitiamo la popolazione a non recarsi nel centro di Stoccolma se non strettamente necessario».

Esplosivo nel camion
Nel camion è stato trovato dell'esplosivo. Secondo il quotidiano Aftonbladet, che cita la polizia, si tratta di un ordigno di fattura artigianale, contenuto in un sacchetto, quindi probabilmente portato a bordo dall'uomo che si è impossessato dell'automezzo approfittando di una sosta del conducente, uscito per una consegna.

Molti morti, molti feriti
Nina Odermalm Schei , portavoce dell'intelligence svedese (Sapo), ha detto che «ci sono morti, e molti feriti». Il camion era di prorietà della fabbrica di birra Spendrups, che aveva annunciato che il camion era stato rubato in tarda mattinata durante a una consegna presso il risotrante Caliente. «Mentre il nostro camionista scaricava qualcuno è salito in cabina e ha portato via il camion».

Tre uomini?
Su Twitter si è parlato di tre uomini che si sarebbero lanciati fuori dal camion che poi ha falciato la folla provocando morti e feriti. Il conducente sarebbe stato incappucciato.

Dubbi e coincidenze
A pochi giorni dalla strage alla metro di San Pietroburgo e a quello dall'attentato che ha sconvolto Londra, l'Europa ripiomba nella paura. La dinamica l'abbiamo già vista: di nuovo un veicolo lanciato sulla folla, che, dalla strage di Nizza del 14 luglio, è un marchio di fabbrica degli attentati riconducibili al terrorismo islamico. Altra coincidenza è la tempistica: sono trascorse poche ore dal raid americano in Siria a seguito del presunto attacco chimico su Idlib. Alcuni analisti cominciano a parlare di una possibile ritorsione.