18 ottobre 2019
Aggiornato 03:00
Il giuramento di Trump

Lavoro, immigrazione e sanità. Con Trump alla Casa Bianca tutto cambierà

The Donald ha promesso di cambiare l'America e si prepara ad entrare alla Casa Bianca. La cerimonia e il giuramento seguiranno un copione intenso che prevede, tra l'altro, l'incontro con Barack e Michelle Obama

Il nuovo presidente americano, Donald Trump.
Il nuovo presidente americano, Donald Trump. Shutterstock

NEW YORK - L'ora X è arrivata. Oggi  viene scritta una nuova pagina di storia con Donald Trump che diventa ufficialmente il 45esimo presidente americano. Il miliardario di New York, un magnate dell'immobiliare e star (per alcuni) della reality tv, si presenterà a Capitol Hill per giurare su due bibbie e diventare il leader di un'America forse mai così spaccata. A prescindere da chi sia stato a polarizzare la nazione, gli Stati Uniti e il mondo intero si domandano se The Donald riuscirà a riunirla.

Il cambiamento promesso da Donald Trump
Ieri sera davanti al Lincoln Memorial, l'elegante monumento davanti al quale si erano svolti gli eventi inaugurali di Barack Obama nel 2009 e di George W. Bush nel 2001, Donald Trump ha promesso che riunirà l'America e che «insieme faremo un lavoro speciale». Questo viaggio è iniziato 18 mesi fa, quando dalla sua Trump Tower sulla Fifth Avenue annunciò la sua candidatura. Definendosi «soltando un messaggero» di un movimento «che non si è mai visto nel mondo» e composto da gente che «si è stancata e che vuole un vero cambiamento", Trump ha promesso che nessun americano verrà dimenticato.

La cerimonia e il giuramento
«Ve lo prometto", ha detto con la sua nota spavalderia: «Lavorerò sodo e ribalteremo la situazione, riporteremo in Usa i posti di lavoro, rafforzeremo l'esercito e i nostri confini, faremo cose che non sono fatte da decenni per il nostro Paese. Tutto cambierà». The Donald è convinto che la sua squadra di governo abbia «il quoziente intellettivo più alto di sempre", come sostenuto a un pranzo ieri al Trump International Hotel - un luogo che si preannuncia una miniera di scandali potenziali. Davanti al mega monumento in marmo bianco che onora il 16esimo presidente americano (che fu assassinato), Trump ha garantito al paese che con lui alla Casa Bianca tutto «sarà fantastico», a partire dalla cerimonia odierna e a prescindere dalle condizioni meteo.

L'incontro con Barack e Michelle Obama
Non ci si aspetta altro visto il costo stimato dell'inaugurazione: 200 milioni di dollari di cui almeno la metà dedicati alla sicurezza. «Voi esulterete per me ma io esulterò per voi. Lavoreremo insieme, insieme renderemo l'America nuovamente grandiosa, grandiosa come non lo è mai stata. Lo faremo per tutti», ha affermato. Mentre 900.000 persone invaderanno Washington (chi per celebrare e chi per protestare) e 28.000 agenti verranno dispiegati per garantire che tutto fili liscio, Barack e Michelle Obama accoglieranno Donald e Melania Trump alla Casa Bianca quando in Italia saranno le 15.40. Dopo una tazza di te e caffè e i convenevoli di rito, i quattro si trasferiranno al Campidoglio alle 16.30 italiane per partecipare al momento chiave della cerimonia di inaugurazione.

La prima apparizione pubblica di Hillary Clinton
Con loro ci saranno anche Joe Biden, il vice di Obama, e la moglie. E non lontano ci sarà anche la sconfitta Hillary Clinton con il marito Bill: per lei sarà la prima apparizione pubblica insieme a Trump dall'ultimo dibattito che li vide scontrarsi lo scorso ottobre, un'apparizione per dimostrare il suo sostegno a un processo democratico (quello che le ha impedito di diventare la prima donna presidente d'America). L'ormai ex first family resterà a Capitol Hill giusto per il discorso di Trump, previsto alle 18, per poi trasferirsi alla base militare Joint Base Andrews dove alle 19.10 Obama pronuncerà le sue prime parole da ex presidente.

Benvenuto nella Sua nuova casa, Mr President
Poi il decollo verso Palm Springs, California, dove si rilasserà. Intanto Trump sarà sotto i riflettori che tanto ama: prima alla Rotonda del Campidoglio per un pranzo a cui parteciperanno leader politici e amici, poi alla guida della parata che lungo Pennsylvania Avenue lo porterà alla Casa Bianca. Nell'edificio simbolo degli Stati Uniti, Trump si presenterà (tra le 21.30 e le 23 italiane) come la persona più anziana (ha 70 anni e sette mesi, più dei 69 anni e 11 mesi di Ronald Reagan, l'unico prima di lui a detenere questo primato) e come la prima a non avere svolto una qualche forma di ruolo nel settore pubblico (nemmeno il servizio militare). A prescindere dall'età e dalla sua esperienza, l'usciere lo accoglierà con la frase: «Benvenuto nella Sua nuova casa, Mr President».