29 ottobre 2020
Aggiornato 23:30
La minaccia terrorismo resta molto alta nella capitale del Belgio

Terrorismo, niente Capodanno a Bruxelles

I festeggiamenti per il Capodanno e i fuochi di artificio nel centro di Bruxelles sono stati annullati per ragioni di sicurezza. Lo ha annunciato il sindaco della capitale del Belgio, che resta in stato di massima allerta per la minaccia terrorismo

BRUXELLES - I festeggiamenti per il Capodanno e i fuochi di artificio nel centro di Bruxelles sono stati annullati per ragioni di sicurezza. Lo ha annunciato il sindaco della capitale del Belgio, che resta in stato di massima allerta per la minaccia terrorismo.

Nodo sicurezza
«Sfortunatamente, siamo stati costretti a cancellare i fuochi di artificio e tutto quanto era stato organizzato per domani (giovedì) sera, che avrebbe riunito tantissime persone nel centro di Bruxelles, in seguito all'analisi del rischio da parte del nostro centro di crisi», ha dichiarato il primo cittadino Yvan Mayeur all'emittente belga RTBF. Circa 100mila persone avevano festeggiato l'arrivo del 2015, dodici mesi fa, a place de Brouckère, nel centro di Bruxelles. «Meglio non correre rischi», ha spiegato Mayeur, visto che la situazione non permette di «garantire che siano controllati tutti quelli che vengono all'evento».

Minaccia verosimile
Il Belgio - e in particolare Bruxelles, che ospita le istituzioni europee e della Nato - è da fine novembre «al livello tre di allerta terrorismo», appena un gradino sotto al livello massimo, che corrisponde a una «minaccia possibile e verosimile». La capitale del Belgio ha trascorso sei giorni al livello quattro, a seguito degli attacchi del 13 novembre a Parigi. Diverse inchieste sono al momento in corso in dossier legati al terrorismo, tra i quali quelli legati agli attentati di Parigi che hanno provocato 130 morti. Nove persone sono state incriminate e rinchiuse in carcere in questo dossier in Belgio. Una perquisizione legata alla vicenda è avvenuta anche ieri a Molenbeek-Saint-Jean, comune di Bruxelles da dove proveniva uno dei principali sospetti in fuga, Salah Abdeslam, punto di rifugio per numerosi jihadisti. Martedì la procura federale ha annunciato l'arresto di due persone sospettate di preparare attentati nella capitale per le feste di fine anno.

(Con fonte Askanews)