14 luglio 2020
Aggiornato 02:30
Ha mandato migranti a nostre frontiere senza avvisare

Migranti, Berlino attacca Vienna: è scorretta

Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maiziere, ha accusato oggi l'Austria di aver mandato migliaia di migranti verso la Germania senza informarne Berlino, un comportamento "non corretto"

BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maiziere, ha accusato oggi l'Austria di aver mandato migliaia di migranti verso la Germania senza informarne Berlino, un comportamento «non corretto» che deve cambiare «immediatamente». «Il comportamento dell'Austria degli ultimi giorni non è stato corretto. Ci siamo lamentati del fatto che i rifugiati, senza che siamo stati avvertiti, sono stati portati di notte in diversi posti e sono arrivati alla frontiera tedesca senza minimi preparativi o misure di precauzione», ha dichiarato alla stampa.

Scontro con Vienna
«L'Austria ha promesso di ritornare a delle procedure ordinate. Mi aspetto che questo si verifichi immediatamente, per questo siamo in contatto permanente», ha aggiunto. La Baviera, regione alla frontiera con l'Austria per la quale transita la maggior parte dei rifugiati che vuole ragggiungere la Germania, ha accusato negli ultimi giorni Vienna di portare senza avvertire migliaia di persone alla frontiera dove la polizia si trova in grande difficoltà.

Afghani
L'elevato numero di afgani che chiedono lo status di rifugiati in Germania è «inaccettabile»: lo ha detto oggi il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maizière, che ha chiesto ai giovani di «restare» in Afghanistan per ricostruire il loro Paese. «L'Afghanistan è in seconda posizione fra i Paesi di origine dei richiedenti asilo in Germania. E' inaccettabile. Siamo d'accordo con il governo afgano sul fatto che non vogliamo questo», ha detto alla stampa, lanciando un appello ai giovani afgani a «restare nel loro Paese e a ricostruirlo»

(Con fonte Askanews)