22 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
L'avvertimento dell'Ong

Migranti, Amnesty: proposte Juncker? Bene, ma non risolutive

Le nuove proposte annunciate oggi dalla Commissione europea per affrontare la crisi globale dei rifugiati faranno passi verso la protezione dei rifugiati, ma non saranno risolutivi né a breve né a lungo termine, ha dichiarato Amnesty International

ROMA - Le nuove proposte annunciate oggi dalla Commissione europea per affrontare la crisi globale dei rifugiati faranno passi verso la protezione dei rifugiati, ma non saranno risolutivi né a breve né a lungo termine, ha dichiarato Amnesty International.

Non sono soluzioni
Iverna McGowan, direttrice dell'ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee, ha affermato: «Le proposte rese note dalla Commissione europea contribuiranno ad affrontare la crisi dei rifugiati, certamente però non la risolveranno - né a breve, né a lungo termine. Gli stati membri dell'Ue devono collaborare con la Commissione per attuare una revisione del sistema di asilo europeo molto più ambizioso - sulla base di un'assistenza significativamente maggiore agli stati in prima linea per l'accoglienza dei richiedenti asilo, l'elaborazione delle richieste e il riconoscimento comune dello status di rifugiato all'interno dell'Unione europea. Gli stati membri dovrebbero cercare di aumentare i percorsi sicuri nell'Ue, non i paesi sicuri dove rispedirli.»

Ordine del giorno per l'Europa
In vista dell'annuncio della Commissione, Amnesty International ha pubblicato un ordine del giorno per l'Europa chiedendo un'Unione di protezione per i rifugiati. L'Agenda definisce i cambiamenti urgentemente necessari nell'approccio dell'Ue alla crescente crisi dei rifugiati in vista della riunione di emergenza del Consiglio di Giustizia e Affari interni in programma il 14 settembre.