17 ottobre 2019
Aggiornato 07:00
Morte circa 20 persone

Thailandia, riapre il tempio colpito dall'attentato

I monaci tailandesi hanno oggi riaperto il tempio di Bangkok colpito due giorni fa da un attentato esplosivo in cui sono morte 20 persone, mentre la polizia continua la caccia all'uomo

BANGKOK (askanews) - I monaci tailandesi hanno oggi riaperto il tempio di Bangkok colpito due giorni fa da un attentato esplosivo in cui sono morte 20 persone, mentre la polizia continua la caccia all'uomo.

L'attentato
L'esplosione ha avuto luogo lunedì sera, mentre i fedeli e i turisti affollavano il tempio di Erawan nel cuore commerciale tailandese. Nessuno al momento ha rivendicato l'attentato. L'attentato, che non ha precedenti, ha lasciato morti 11 stranieri - da Gran Bretagna, Cina, Hong Kong, Indonesia, Singapore e un'intera famiglia dalla Malaysia - e nove locali, mentre altre 68 persone restano ferite gravi.

Seconda esplosione
La polizia ha riferito che una seconda esplosione è avvenuta ieri presso un molo, nella capitale, ma non sono stati registrati feriti. Il portavoce della giunta militare colonnello Wintha Suvaree ha riferito che la sicurezza è stata rafforzata nelle aree turistiche, «specialmente dove ci sono molti turisti cinesi». Un video mostra il sospetto, apparentemente un giovane magro con occhiali sportivi e capelli neri.