17 settembre 2019
Aggiornato 17:00
Diritti civili

Obama lancia un appello sulla «scandalosa» situazione delle minoranze negli USA

Il presidente americano ha detto che le opportunità per un bimbo di colore sono di meno secondo tutti i parametri. Un nero ha una possibilità su due di crescere senza un padre. Un ispanico, una su quattro. Oltre l'80 per cento non raggiunge il livello di «lettura» richiesto all'età di dieci anni

WASHINGTON - Il presidente degli Usa, Barack Obama ha lanciato un appello per migliorare la «scandalosa» situazione delle minoranze negli Stati Uniti. Obama si è rivolto a un gruppo di adolescenti, ispanici e afroamericani del programma «Il guardiano di mio fratello» sostenuto da organizzazioni pubbliche e private filantropiche per i giovani in difficoltà.

Le opportunità per un bimbo nero o marrone ha detto Obama sono di meno secondo tutti i parametri, e lui lo sa per esperienza personale. Un nero ha una possibilità su due di crescere senza un padre. Un ispanico, una su quattro. Oltre l'80 per cento non raggiunge il livello di «lettura» richiesto all'età di dieci anni. Le minoranze sono anche sovrarappresentate nella popolazione carceraria.

Statistiche, ha detto Obama, a cui purtroppo si fa il callo, mentre sono uno scandalo. E invece è una questione di importanza nazionale al centro dei motivi per cui mi sono candidato, ha detto Obama, perché se l'America è qualcosa, è l'idea di pari opportunità per tutti.

E' la prima volta dal 2008 che Obama si esprime in maniera così esplicita. «Il guardiano di mio fratello» è un programma a cui potrebbe continuare a lavorare dopo la Casa Bianca: raccoglierà un milione di dollari nei prossimi 5 anni per iniziative destinate a famiglie e bambini.