16 settembre 2019
Aggiornato 00:30
Germania

Assolto l'ex presidente tedesco Christian Wulff

Il capo di Stato era accusato di corruzione. Il giudice Frank Rosenow ha decretato che «non sussistono prove sufficienti» a suo carico. Uomo scelto ad Angela Merkel e rimasto in carica meno di due anni, fu costretto alle dimissioni, dopo mesi di massacro mediatico sulla stampa tedesca, in particolare sulla Bild Zeitung, e internazionale

BERLINO - L'ex presidente tedesco Christian Wulff, 54 anni, il più giovane capo di Stato della Germania federale e il primo ex presidente a essere processato, è stato assolto dal tribunale di Hannover da tutte le accuse di presunta corruzione.

Il giudice Frank Rosenow ha decretato che «non sussistono prove sufficienti. L'imputato Wulff è stato assolto». Il processo è durato tre mesi. Ora all'ex presidente spetta un indennizzo per le perquisizioni della polizia subite durante le indagini.

Il 17 febbraio 2012 Wulff, uomo scelto ad Angela Merkel e rimasto in carica meno di due anni, fu costretto alle dimissioni, dopo mesi di massacro mediatico sulla stampa tedesca, in particolare sulla Bild Zeitung, e internazionale.

Nei suoi confronti l'accusa scatenante di avere accettato nel 2011, quando era ancora governatore della Bassa Sassonia, un prestito a tasso agevolato da una coppia di imprenditori amici per accendere il mutuo della casa e successivamente di essersi fatto pagare una vacanza assieme alla seconda moglie Bettina, dalla quale nel frattempo si è separato, da un amico produttore.