3 aprile 2020
Aggiornato 22:00
Diritti Umani

Sakineh, Comitato contro l'esecuzioni: sarà giustiziata domani

Il Regime di Teheran avrebbe autorizzato il carcere di Tabriz a giustiziarla

TEHERAN - L'esecuzione di Sakineh Mohammad Ashtiani potrebbe essere imminente. E' quanto denuncia il Comitato internazionale contro le esecuzioni, secondo cui Teheran avrebbe autorizzato le autorità penitenziarie di Tabriz a eseguire la condanna a morte.
«Le probabilità di un'imminente esecuzione di Sakineh sono ora molto alte», ha dichiarato il Comitato. Sul sito, si legge che «è stato riferito che sarà giustiziata già questo mercoledì, 3 novembre».

Condannata per adulterio - Sakineh, 43 anni, è rinchiusa da cinque anni nel braccio della morte della prigione di Tabriz, nella zona nord-occidentale dell'Iran. Nel 2006 le sono state inflitte 99 frustate per una «relazione illecita» con due uomini, poi è stata condannata a morte per adulterio. Il caso ha suscitato le dure rimostranze della comunità internazionale e una martellante campagna della stampa straniera, tanto che le autorità iraniane hanno deciso, lo scorso luglio, di commutare la lapidazione in impiccagione.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal