25 aprile 2024
Aggiornato 06:30
Regime iraniano

La moglie di Mousavi: sono pronta alla forca

«Il popolo resisterà. Mai avuto paura di morire per i nostri ideali»

TEHERAN - «Io e Mousavi non abbiamo mai avuto paura di morire per i nostri ideali. Crediamo nella libertà, nella democrazia e nella fine della discriminazione tra uomo e donna. Sono psicologicamente preparata al cappio». Nel giorno dell'anniversario dell'inizio delle proteste contro il governo iraniano, dopo la rielezione alla presidenza di Mahmoud Ahmadinejad, la madrina della Rivoluzione Verde e moglie del leader dell'opposizione Mir Hossein Mousavi, Zahra Rahnavard, di dice pronta a morire per difendere tutto ciò in cui crede.

In un'intervista pubblicata questa mattina dal Corriere della Sera, l'artista e intellettuale confessa: «In questi dodici mesi la maggior parte degli amici, colleghi, collaboratori e parenti miei e di Mousavi sono stati arrestati e imprigionati. Le autorità al potere tentano così di intimidire anche noi. Ma non ce la faranno. Il popolo continuerà a resistere». «Il Movimento Verde è eterogeneo, popolare spontaneo e nazionale, e fin tanto che è autonomo riuscirà a ottenere i suoi ideali», commenta Zahra Rahnavard.