11 luglio 2020
Aggiornato 23:30
Thailandia

Bangkok, le «camicie rosse» tolgono il blocco in centro

Ma domani torneranno a manifestare contro il Premier Vejjajiva

BANGKOK - Migliaia di oppositori del primo ministro tailandese che occupavano il quartiere commerciale di Bangkok hanno deciso di ritirarsi, dopo che le forze di sicurezza avevano minacciato un loro intervento, ma hanno annunciato che domani torneranno a manifestare.
Ieri, per il quarto fine settimana consecutivo, circa 60mila «camicie rosse», che sostengono il primo ministro in esilio Thaksin Shinawatra, hanno occupato una vasta zona del centro dove sorgono alberghi di lusso, uffici, centri commerciali e un famoso luogo di preghiera, il santuario di Erawan. I manifestanti chiedono le elezioni anticipate e le dimissioni immediate del primo ministro, Abhisit Vejjajiva, che giudicano illegittimo e al servizio delle elite del paese. Per il momento, il capo del governo ha accettato di negoziare elezioni anticipate alla fine dell'anno, termine giudicato irragionevole dai suoi avversari.