15 ottobre 2019
Aggiornato 13:30
Reazioni. Riforma sanitaria USA

Pelosi: «Americani avrete controllo su salute»

«L'avrebbe voluta già Roosevelt». 220 voti favorevoli e 215 contrari dopo 12 ore di dibattito

WASHINGTON - «Questo progetto di legge dà, a voi e al vostro medico, il controllo sulla vostra salute e non troverete a ostacolare il vostro cammino le compagnie di assicurazione»: così ha esclamato, rivolgendosi direttamente agli americani, Nancy Pelosi, la presidente della Camera dei Rappresentanti Usa, che la scorsa notte ha approvato il progetto di riforma sanitaria fortemente voluto dal presidente Barack Obama. Progetto che per la prima volta prevede l'istituzione di una assicurazione pubblica sulla salute.

«Questa riforma era attesa da un centinaio di anni», ha aggiunto Nancy Pelosi che ha citato le prime iniziative in tal senso del presidente Theodore Roosevelt. In particolare una Nancy Pelosi trionfante ha paragonato il progetto di legge alla storica introduzione della Sicurezza sociale nel 1935 e quella di Medicare per gli anziani 30 anni dopo.

Durante un'insolita seduta notturna, i deputati americani hanno dato il loro assenso a un testo di migliaia di pagine, approvandolo con 220 voti favorevoli e 215 contrari dopo 12 ore di dibattito. Con i democratici ha votato anche il repubblicano Ahn Joseph Cao, l'unico del suo partito a esprimere parere favorevole. Obama ha salutato il voto «storico» della Camera e si è detto «assolutamente fiducioso» sull'esito dello scrutinio al Senato. Il presidente ha manifestato la speranza di poter promulgare la legge «entro la fine dell'anno».