23 maggio 2022
Aggiornato 16:30
Sicurezza alimentare

Sequestrati 60 tonnellate di cibo di Natale

Accertate 600 violazioni alle normative nazionali e comunitarie. Oltre 650 le persone segnalate alle autorità giudiziarie e amministrative, con sanzioni per 670mila euro.

http://rrr.sz.xlcdn.com/?account=diariodelweb&file=diariodelweb%2Fdiariotv%2F20141223_nas_sequestri.mp4&type=streaming&service=wowza&output=smil

ROMA - Controlli mirati dei Nas, Nuclei antisofisticazioni e sanità, e dei Nac, nuclei antifrodi Carabinieri, per un Natale sicuro, almeno a tavola. Sono state sequestrate oltre 60 tonnellate di prodotti natalizi, tra cui 30mila chili di prodotti di pasticceria e dolci e 1000 di prodotti ittici di ignota provenienza, in cattive condizioni igienico-sanitarie, stoccati in ambienti inadeguati con date di scadenza superate. Eseguite oltre 2.000 ispezioni in tutta Italia, rilevando irregolarità nel 20% delle strutture controllate. In particolare, nel mirino dei Nas e dei Nac, i laboratori e le industrie di Salerno, Ravenna, Caserta, Milano, Cagliari, Isernia e nel torinese.

Accertate 600 violazioni alle normative nazionali e comunitarie. Oltre 650 le persone segnalate alle autorità giudiziarie e amministrative, con sanzioni per 670mila euro. A Salerno, presso un deposito alimentare, i carabinieri hanno sequestrato 180 quintali di dolci tra cui pacchi di cioccolata e caramelle con scadenza ampiamente superate, anche dal 2007, i cui singoli pezzi sarebbero stati utilizzati per riempire alcune calze dell epifania e frutta secca in decomposizione e invasa da parassiti.