30 settembre 2020
Aggiornato 12:00
Borsa

«Il rally di Wall Street non è terminato»

Ne sono convinti gli analisti di Goldman Sachs, che hanno pubblicato uno studio in cui elencano una molteplicità di motivi (10) che li spingono a questo pronostico

«Il rally di Wall Street non è terminato»
«Il rally di Wall Street non è terminato» ANSA

Nonostante la battuta d'arresto della scorsa settimana, il rally dei mercati azionari è destinato a proseguire. Ne sono convinti gli analisti di Goldman Sachs, che hanno pubblicato uno studio in cui elencano una molteplicità di motivi (10) che li spingono a questo pronostico. Questo non significa escludere altri scivoloni: anzi, la forte crescita dell'azionario da marzo, combinata con i posizionamenti al rialzo sui mercati delle opzioni «rendono probabile una ritracciamento nel breve termine», scrive Peter Oppenheimer in un paper di ricerca.

«Ma pensiamo che vi siano 10 validi motivi per cui il mercato rialzista dovrebbe continuare. Innanzitutto - prosegue - siamo nella prima fase di un nuovi ciclo di investimenti, che segue una profonda recessione». E questa prima fase di «speranza» è tipicamente quella più forte.

Seconda ragione, i vaccini che «diventano più probabili» aumentano a loro volta le chances di una ripresa che sia «duratura». Terzo, prosegue lo studio, di recente la stessa banca ha rivisto al rialzo le sue previsioni economiche ed è probabile che analogamente si sviluppino le attese degli analisti sugli utili societari.

Gli indicatori sulle probabilità di un mercato al ribasso sono deboli, è la quarta ragione mentre la quinta è che le politiche di bilancio dei governi e le politiche monetarie delle banche centrali restano molto espansive.

Sesto motivo, il premio di rischio sui titoli azionari ha margini per ridursi. Peraltro la prospettiva di tassi negativi a lungo dovrebbe risultare fortemente di sostegno ai titoli azionari in un contesto di ripresa e le azioni offrono riparo dai rialzi inflazionistici e, altro motivo, appaiono più a bon mercato rispetto alle obbligazioni.

Decimo e ultimo motivo, per cui secondo Goldman la crescita dell'azionario proseguirà, è che la rivoluzione digitale continua a guadagnare slancio e in questo quadro le società quotate dovrebbero continuare a sfornare utili e a veder crescere le loro valutazioni.

(con fonte Askanews)