15 agosto 2020
Aggiornato 01:00
La denuncia di Altroconsumo

Due terzi dei prodotti acquistabili online non è sicuro

Testati 250 prodotti: il 66% non rispetta le normative europee. Altroconsumo chiede che le piattaforme di ecommerce si assumano maggiori responsabilità e ci sia più controllo. Amazon: «episodi isolati»

Una persona con la carta di credito al portatile
Una persona con la carta di credito al portatile Unsplash

MILANO - La maggior parte dei prodotti per bambini ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di ecommerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. Sono risultati scioccanti quelli che arrivano dall’inchiesta condotta da Altroconsumo, insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee. I risultati - pubblicati sulla rivista Altroconsumo Inchieste di marzo 2020 - arrivano dall’analisi di 250 prodotti acquistabili sui principali siti di ecommerce: Aliexpress, Amazon, eBay, LightInTheBox e Wish.

Complessivamente due acquisti su tre (il 66%) sono risultati non conformi alla normativa europea, con rischi per la salute e per la sicurezza di chi li utilizza. L’Organizzazione di consumatori ha condiviso i risultati dell’indagine con il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero della Salute e inviato loro una segnalazione formale per chiedere un intervento volto ad accertare quanto è emerso affinché vengano presi provvedimenti per la tutela e la corretta informazione dei consumatori.

«Ancora troppe le persone che acquistano dalle maggiori piattaforme di ecommerce pensando che la comodità ed efficienza del servizio sia associato anche ad una garanzia di qualità dei prodotti offerti, purtroppo non è così, i dati ce lo dimostrano. - Dichiara Ivo Tarantino, Responsabile Relazioni Esterne Altroconsumo - L’attuale quadro normativo non è in grado di dare la giusta tutela, in termini di sicurezza, ai consumatori: da un lato, le piattaforme non riescono a impedire la vendita di prodotti non sicuri e a rimuoverli tempestivamente quando sono già in vendita, dall’altro, le autorità non riescono a garantire una sorveglianza adeguata e un’applicazione efficace delle norme. Come Altroconsumo, vogliamo accendere i riflettori sul tema e chiediamo alle istituzioni che ci sia una presa di responsabilità concreta e congiunta da parte di tutti gli attori coinvolti. Auspichiamo di essere partner di questo processo per arrivare ad uno scenario in cui ci sia la maggiore tutela possibile dei consumatori».

I risultati dell’inchiesta nel dettaglio

Tra gennaio 2019 e gennaio 2020 sono stati ordinati, esaminati e poi testati in laboratorio 250 prodotti afferenti a 18 diverse categorie, tra cui giocattoli per bambini, rilevatori di CO (monossido di carbonio) e di fumo, abbigliamento per bambini, make-up e carica batterie USB.

Di seguito alcuni dei risultati principali:

  • Su 12 carica batterie USB, 12 powerbank e 12 adattatori da viaggio, ben 26 prodotti su 36 sono pericolosi, possono dare la scossa o causare incendi;
  • In 9 giocattoli per bambini su 29 (31%) sono state trovate quantità illegali di ftalati (fino a 200 volte il limite legale). Bocciato il 91% dei trucchi per bambini;
  • l’88% capi d’abbigliamento per bambini testati non rispettavano gli standard europei, con possibili rischi per la salute e l’incolumità dei piccoli.

Tra quelli testati, alcune categorie di prodotto sono state bocciate nella totalità dei casi. Stiamo parlando nello specifico di: palloncini, kit per sbiancare i denti, rilevatori di fumo e monossido di carbonio e caschi. Ma come è possibile tutto questo? Le piattaforme di ecommerce, ponendosi nella posizione di semplici intermediari, sfruttano spesso una scappatoia legale che li esonera da qualsiasi responsabilità - che resta solo al fornitore originale - per quanto riguarda la sicurezza dei prodotti che vendono. Esse sono tenute a livello normativo solo a rimuovere «rapidamente» i prodotti non sicuri dai loro cataloghi quando ne sono informati. La legge resta ambigua visto che non vi è alcun limite di tempo specificato.

I consigli degli esperti Altroconsumo

  • Conosci la marca? Quando si acquista online è preferibile orientarsi verso marchi conosciuti: alcuni prodotti possono essere venduti da brand inesistenti.
  • Attenzione alla contraffazione: questo tipo di prodotto spopola sul web. Il consiglio è di controllare le caratteristiche del prodotto che si sta acquistando valutando anche se il prezzo è eccessivamente basso.
  • Foto e recensioni possono essere un utile strumento per valutare cosa si sta acquistando.
  • Confezione, documenti doganali, integrità del prodotto: ognuno di questi aspetti va controllato con attenzione per ogni acquisto ricordando che qualsiasi prodotto acquistato online può essere restituito entro 14 giorni dall'acquisto.

Altroconsumo invita i consumatori a segnalare casi di prodotti acquistati online e risultati pericolosi. A questo link, lo spazio per inviare segnalazioni presente sul sito dell’Organizzazione.

La replica di Amazon: «Episodi isolati»

La sicurezza è una priorità per Amazon e richiediamo che tutti i prodotti in vendita nel nostro store siano conformi alle leggi e ai regolamenti applicabili. Abbiamo sviluppato strumenti leader nel settore per impedire che prodotti non sicuri o non conformi non siano inseriti nei nostri store. I partner di vendita sono responsabili di rispettare l’alto livello di qualità definito da Amazon, che potrebbe rimuovere e intraprendere azioni legali contro coloro che non lo rispettano. Questi sono episodi isolati che non rispecchiano né gli eccellenti prodotti in vendita né l'esperienza che milioni di piccole imprese offrono ai clienti vendendo attraverso il nostro store.