14 novembre 2019
Aggiornato 19:00
Rinnovabili

Roll-Array, il tappeto fotovoltaico pronto in soli due minuti

Il tappeto fotovoltaico potrebbe essere particolarmente utile per le zone colpite da disastri naturali. E' facile da trasportare e funziona in appena due minuti di orologio

Per le zone colpite da disastri ambientali
Per le zone colpite da disastri ambientali Shutterstock

LONDRA - Un pannello fotovoltaico che si srotola come un tappeto e si installa in soli due minuti di orologio, portatile e leggero. Poche parole per descrivere, in realtà, una grande invenzione made in UK, dalla britannica Renovagen.

Il tappeto fotovoltaico
Si chiama Roll-Array ed è un «tappeto» fotovoltaico portatile e arrotolabile in grado di utilizzare l’energia del sole nelle zone dove la rete elettrica è assente o fuori uso. Il pannello può essere trasportato fino all’area in cui serve ed entrare in funzione in pochissimi minuti. E’ realizzato con celle fv in rame indio gallio selenio connesse fra loro attraverso un lungo nastro in tessuto. Prima dell’uso i moduli sono arrotolati su se stessi e contenuti in una scatola metallica dove sono alloggiate anche delle batterie al litio da 53 kWh. Le soluzioni sono diverse: c’è il rotolo più piccolo con una potenza da 18 KW e una lunghezza di 50 metri a quello più grande capace di fornire ben 150 KW e lungo 200 metri.

La campagna di crowdfunding
Al momento la Renovagen ha intrapreso una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Crowdcube per portare i suoi pannelli solari sul mercato di larga scala. In pochi giorni il progetto ha raggiunto quota 260mila sterline con quasi 100 investitori, ma l’azienda punta in lato e, per avviare la produzione, chiede da 600mila a 1 milione. Cifra che, peraltro, raggiungerà facilmente data la versatilità dei pannelli solari a tappeto. Roll-Array potrebbe, infatti, essere molto utile per le aree colpite da disastri naturali dove la rete elettrica è fuori uso, ad esempio, o per gli eserciti in movimento. Le prime versioni dovrebbero costare tra le 50mila e le 100mila sterline, ma John Hingley, CEO della società, promette che il costo potrà scendere repentinamente una volta creato il giusto market place.