18 agosto 2019
Aggiornato 00:30
La compagnia aerea low coast punta a conquistare l'Europa

Ryanair, Dal 1 dicembre più voli da Malpensa

La decisione di operare a Malpensa per Ryanair non implica comunque passi indietro all'aeroporto di Bergamo, finora suo principale punto di riferimento in Italia settentrionale

MILANO (askanews) - Dal primo dicembre la compagnia irlandese Ryanair volerà da e per l'aeroporto di Malpensa, con quattro rotte dal terminal 1 per Londra Stansted, Comiso, Bucarest e Siviglia. Lo ha annunciato il chief commercial officer di Ryanair, David O'Brien, parlando nel dettaglio di 28 voli settimanali con l'obiettivo di trasportare 450mila passeggeri all'anno. Allo scalo varesino è stato assegnato un aeromobile, per un investimento di 100 milioni di dollari. La compagnia aerea stima che questa decisione produrrà 450 posti di lavoro di indotto in loco.

Ryanair punta su Malpensa
La rotta Londra Stansted avrà due voli al giorno, uno Comiso, quattro a settimana per Bucarest e tre a settimana per Siviglia. Malpensa diventa così la 15esima base in Italia del vettore irlandese già primo nel nostro Paese per numero di passeggeri trasportati. «Per noi è un gran giorno, siamo molto felici", ha commentato O'Brien. Giulio De Metrio, chief operating officer di Sea, la società di gestione degli scali milanesi, si è detto «estremamente contento» dell'arrivo di Ryanair a Malpensa e ha auspicato che sia solo un primo passo. «Malpensa evidentemente è conveniente", ha concluso. La decisione di operare a Malpensa per Ryanair non implica comunque passi indietro all'aeroporto di Bergamo, finora suo principale punto di riferimento in Italia settentrionale. «Non portiamo via traffico da Bergamo e non tagliamo le destinazioni da lì, anzi le aumentiamo» ha precisato il chief commercial officer David O'Brien. Del resto il vettore irlandese opera già su due aeroporti a Bruxelles, Glasgow e Roma.

O'Brien: Vogliamo focalizzarci sull'Europa
Quanto alla possibilità che Ryanair possa contribuire, anche a Malpensa, all'alimentazione di voli a lungo raggio di altre compagnie aeree il rappresentante del vettore irlandese non l'ha esclusa: «Il programma Viamilano - ha detto riferendosi all'iniziativa di Sea, gestore degli scali milanesi, per sviluppare Malpensa come snodo tra i voli a corto e lungo raggio - è qualcosa di unico, ma noi stiamo comunque iniziando a discutere con diversi vettori come Iag, Tap, Aerlingus e Virgin. In linea di principio potrebbe accadere anche a Malpensa. In ogni caso per noi non si tratta di una relazione cruciale per crescere, semmai è cruciale per un aeroporto e per un altro vettore». Ciò che invece O'Brien ha per il momento escluso è un imminente ingresso diretto nel mercato dei voli a lungo raggio: «Abbiamo aperto una base a Ponta Delgada, sulle portoghesi isole Azzorre, che è a un terzo del percorso di attraversamento dell'Atlantico. Per ora è il punto massimo verso il quale ci spostiamo in quella direzione. Intendiamo focalizzarci sull'Europa» ha concluso.