29 febbraio 2024
Aggiornato 10:30
Il secondo trimestre del 2015 segna una svolta positiva

Istat: «A luglio scende il tasso di disoccupazione»

Aumentano gli inattivi, sono soprattutto donne, ma migliora la situazione dei giovani

ROMA (askanews) - Disoccupazione finalmente in calo. Dopo la crescita degli ultimi due mesi, a luglio, secondo la stima provvisoria dell'Istat, il tasso di disoccupazione cala di 0,5 punti percentuali, scendendo al 12% e riportandosi così ai livelli del luglio 2013. La stima dei disoccupati diminuisce del 4,4%(-143 mila) su base mensile.

Il secondo trimestre del 2015 segna una svolta
Dopo quattordici trimestri di crescita e il calo nel primo trimestre del 2015, nel secondo trimestre il tasso di disoccupazione si attesta al 12,1% (-0,1 punti su base annua). Alla riduzione del Nord (-0,3 punti) si associa la stabilità nel Mezzogiorno e l'aumento nel Centro (+0,1 punti), con le differenze territoriali che si ampliano: l'indicatore varia dal 7,9% delle regioni settentrionali, al 10,7% del Centro fino al 20,2% del Mezzogiorno. Nei dodici mesi la disoccupazione diminuisce del 6,6% (-217 mila persone in cerca di lavoro) e il tasso di disoccupazione di 0,9 punti.

Scende il tasso di disoccupazione e quello di inattività
Dopo la lieve crescita di maggio (+0,1%) e il calo di giugno (-0,3%), la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta nell'ultimo mese dello 0,7% (+99 mila persone inattive, prevalentemente donne). Il tasso di inattività, è pari al 35,9%, in aumento di 0,3 punti percentuali. Su base annua l'inattività è in calo dello 0,6% (-87 mila persone inattive) e il tasso di inattività di 0,1 punti. Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo maggio-luglio 2015 il tasso di occupazione cresce (+0,2 punti percentuali), mentre calano il tasso di disoccupazione (-0,1 punti) e il tasso di inattività (-0,1 punti)

Migliora anche il tasso di disoccupazione giovanile
Forte calo a luglio per la disoccupazione degli under 25. Secondo le stime provvisorie dell'Istat, il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati) è pari al 40,5%, in calo di 2,5 punti percentuali rispetto al mese precedente. Si tratta del dato più basso dal luglio del 2013 quando la disoccupazione giovanile era pari al 39,9%. A giugno la disoccupazione degli under 25 era salita al 43,1%. Il calo della disoccupazione a luglio 2015 riguarda, dunque, anche i giovani 15-24enni. La stima del numero di giovani disoccupati diminuisce rispetto al mese precedente (-51 mila, pari a -7,6%). L'incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,4% (cioè poco più di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza diminuisce nell'ultimo mese di 0,9 punti percentuali.