14 ottobre 2019
Aggiornato 12:30
Grazie all'impegno della Caritas

Da Expo recuperate 11 tonnellate di cibo per i poveri

I generi alimentari riforniscono le mense della Caritas della regione Lombardia, e in particolare la dispensa del Refettorio Ambrosiano di Caritas

MILANO (askanews) - Prosegue l'impegno di Caritas, avviato con l'inizio di Expo, di recupero delle eccedenze alimentari provenienti dal sito espositivo. Dai primi di maggio ad oggi sono state recuperate già 11 tonnellate di cibo.

Grazie a Expo e Coop redistribuite ai poveri 11 tonnellate di cibo
Per Luciano Gualzetti, vice direttore di Caritas Ambrosiana e commissario Caritas in Expo, Expo deve essere il banco di prova per sviluppare un piano anti spreco: «La lotta anti spreco può essere una delle eredità di Expo. Grazie all'accordo siglato con Coop, in questi mesi stiamo recuperando le eccedenze alimentari che provengono dal supermercato presente nel sito e le stiamo redistribuendo ai bisognosi, inseriti in un percorso di recupero della dignità della persona». In questi tre mesi e mezzo, grazie all'accordo con Coop, già oltre 11 tonnellate di cibo destinato a essere buttato è stato messo a disposizione delle parrocchie e delle mense per le persone fragili.

I generi alimentari riforniscono le mense della Caritas
I generi alimentari riforniscono la dispensa del Refettorio Ambrosiano di Caritas, dove ogni sera vengono servite a circa 90 persone, le cene preparate dagli chef stellati coinvolti da Massimo Bottura. Aperto il 5 giugno, nel vecchio teatro abbandonato del quartiere Greco ristrutturato dal Politecnico di Milano, il Refettorio Ambrosiano ha permesso fino ad oggi di recuperare queste eccedenze alimentari provenienti dal sito espositivo. Già 20 chef internazionali, degli oltre 40 coinvolti, hanno trasformato il cibo destinato a essere buttato in piatti di assoluta qualità. Quello che non viene utilizzato dal Refettorio viene distribuito nelle altre strutture caritative di Milano e della diocesi.

Carne, pesce e perfino 70 kg di mortadella
I prodotti vengono infatti consegnati alla Cooperativa "Il Grigio" che si occupa della trasformazione del fresco; alle mense e comunità della zona Pastorale di Lecco; all'Istituto Canossiano di Milano; all'Associazione Fratelli di San Francesco; alla Comunità di Villapizzone; ai Carmelitani e alla Comunità Quinto Sole di Milano; alla Comunità Irene di Arluno. Ad oggi risultano distribuiti anche 200 kg di prodotti di carne e pesce derivanti dalla trasformazione del fresco, fatta dalla Cooperativa il Grigio. Ogni giorno vengono ritirate eccedenze anche da altri punti di ristoro, come ad esempio anche 5 mortadelle di 14 kg ciascuna, donate al seguito di una degustazione.