29 novembre 2021
Aggiornato 00:00
Tecnologie al volante

La BMW? Si controlla dall'Apple Watch

I proprietari dei modelli di i3 e i8 controlleranno le serrature, lo stato di carica delle batterie, le statistiche di utilizzo e l'autonomia residua e molto altro ancora con l'app iRemote

MILANO - Se in futuro sarà la guida autonoma a rivoluzionare il nostro rapporto con le auto, oggi sono i dispositivi mobili a favorire l'interazione uomo-veicolo, compresi quelli indossabili di ultima generazione come il neo nato Apple Watch. Sull'orologio della Mela sbarcheranno ovviamente milioni di app e molte case automobilistiche stanno già pensando a come sfruttare al meglio questa nuova tecnologia. In prima linea c'è Bmw che è già pronta a lanciare la sua prima app iRemote dedicata ai modelli i3 e i8 dotati del BMW ConnectedDrive con scheda sim integrata.

FUNZIONI - Tramite l'Apple Watch, i fortunati proprietari dei modelli elettrici dell'elica potranno così controllare le serrature, lo stato di carica delle batterie, le statistiche di utilizzo, l'autonomia residua ma anche essere avvisati quando l'auto si è ricaricata completamente o quando è previsto il prossimo controllo periodico in officina. Ma non finisce qui: prima di entrare in auto, quando questa è in ricarica, si potrà regolare e azionare da remoto il sistema di climatizzazione e, se l'itinerario impostato dal navigatore dovesse prevedere un tragitto a piedi, si potranno seguire sullo schermo anche le indicazioni per raggiungere la meta.

Insomma, da qui a parlare direttamente con la propria auto tramite l'orologio, come accadeva nel celebre telefilm «Supercar» degli Anni 80, il passo sembra davvero breve. Quando la guida autonoma sarà realtà, poi, le diremo anche noi, come faceva Michael Knight, «Kitt, vieni a prendermi». Staremo a vedere. Intanto, sempre Bmw, ha già pronta la chiave magica che fa uscire l'auto dal garage senza nessuno a bordo. Vedere per credere!