18 gennaio 2020
Aggiornato 06:00
Pubblicità

Agosto nero per il mercato pubblicitario in Italia

Secondo i dati diffusi da Nielsen il mercato degli investimenti pubblicitari ad agosto 2014 chiude a -11,3% rispetto allo stesso mese del 2013, registrando una riduzione tendenziale del -2,7% per il periodo gennaio - agosto, pari a circa 108,3 milioni in meno sui primi otto mesi dello scorso anno. Il mese di luglio si era chiuso a -0,5%.

ROMA - Agosto nero per il mercato pubblicitario in Italia. Secondo i dati diffusi da Nielsen il mercato degli investimenti pubblicitari ad agosto 2014 chiude a -11,3% rispetto allo stesso mese del 2013, registrando una riduzione tendenziale del -2,7% per il periodo gennaio - agosto, pari a circa 108,3 milioni in meno sui primi otto mesi dello scorso anno. Il mese di luglio si era chiuso a -0,5%.

«Come anticipato, il mercato ha subìto una forte frenata nel mese di agosto», spiega Alberto Dal Sasso, Advertising Information Services Business Director di Nielsen. «L'andamento negativo riguarda tutti i mezzi, ma si consideri che storicamente agosto è il mese più debole per quel che riguarda la stagionalità degli investimenti. In base ai primi segnali ricevuti, anche il mese di settembre sembra confermare questa tendenza».

Relativamente ai singoli mezzi, la TV cresce dello 0,9% nel periodo cumulato gennaio - agosto, ma chiude il singolo mese a -18%. Il mezzo Stampa conferma il peggioramento di luglio, calando del -10,4% nei primi otto mesi e del -7,7% in agosto. Anche la Radio continua a perdere investimenti: per i primi otto mesi dell'anno si registra un decremento del -3,9%, a fronte del -2,6% di luglio. Internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato, conferma l'inversione di tendenza avviata a giugno, chiudendo il mese di agosto a +6,8% e il periodo cumulato a +0,9%.