15 giugno 2024
Aggiornato 09:00
I dati della Confcommercio

Per ogni nuova apertura chiudono 2 imprese

Anche se il saldo tra aperture e chiusure, che continua ad essere negativo, risulta in leggero rallentamento rispetto all'anno scorso (-52.716 unità contro -55.815 dei primi 5 mesi del 2013). Continua il trend espansivo del commercio ambulante mentre è significativo il dato territoriale che conferma la particolare debolezza del sistema imprenditoriale del Mezzogiorno.

ROMA - Nei primi cinque mesi del 2014 il numero di imprese del terziario di mercato che cessano l'attività continua ad essere superiore a quello delle nuove iscrizioni: per ogni nuova apertura ne chiudono due, anche se il saldo tra aperture e chiusure, che continua ad essere negativo, risulta in leggero rallentamento rispetto all'anno scorso (-52.716 unità contro -55.815 dei primi 5 mesi del 2013). E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio sulla demografia delle imprese del mese di giugno realizzato dall'Ufficio Studi Confcommercio.

Trend espansivo del commercio ambulante
A questa performance fanno, tuttavia, eccezione le attività di alloggio e ristorazione, le uniche all'interno del comparto a registrare un peggioramento del saldo (passato da -7.612 a -7.752), mentre continua il trend espansivo del commercio ambulante; significativo il dato territoriale che conferma la particolare debolezza del sistema imprenditoriale del Mezzogiorno dove si registra una consistente riduzione dello stock di imprese (-17.353) e dove si concentra quasi un terzo delle chiusure complessive.
Questi dati, secondo Confecommercio, «confermano, da un lato, il persistere di una fase di debolezza del ciclo economico e l'assenza di concreti e significativi segnali di ripartenza; dall'altro, evidenziano come le imprese di questo comparto, nonostante le difficoltà legate ad una domanda interna stagnante, all'elevata pressione fiscale, a un limitato accesso al credito, ai mancati pagamenti dei debiti della P.A., riescono a contenere gli effetti del protrarsi della crisi».

Preoccupa il Mezzogiorno
In tutte le ripartizioni territoriali, nei primi cinque mesi del 2014, «il numero di cancellazioni delle imprese dell'area Confcommercio è stato più elevato delle nuove iscrizioni». Particolarmente consistente il saldo negativo del Mezzogiorno dove il sistema imprenditoriale sembra fortemente indebolito dalla recessione. In questa ripartizione il numero di cancellazioni è rimasto identico a quello dello stesso periodo dell'anno precedente mentre per le iscrizioni si è registrato un incremento di lieve entità.

Segnali positivi in Piemonte, Lombardia, Veneto e Liguria
Nel Nord-Ovest e nel Nord-Est il saldo negativo si è attenuato rispetto allo stesso periodo del 2013 grazie ad un calo delle cancellazioni, mentre il Centro evidenzia un peggioramento. A livello regionale nei primi cinque mesi del 2014, Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Campania e Sardegna si distinguono per una riduzione del proprio saldo negativo rispetto al 2013, mentre Lazio e Sicilia registrano un saldo più pesante. Il flusso delle iscrizioni presenta incrementi significativi in Veneto, Liguria, Umbria, Campania, Sicilia e Sardegna.