20 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
Sicurezza alimentare | Scandalo carne equina

I NAS sequestrano 26 tonnellate di carne equina surgelata della Nestlè in Piemonte

Le operazioni, spiega il ministero in una nota, hanno avuto luogo da parte del Nas di Torino presso la S.A.F.I.M. di None dove sono state sottoposte a sequestro cautelativo sanitario 19 tonnellate di carne bovina macinata cotta e surgelata della Nestlé

TORINO - Su disposizione del ministero della Salute i carabinieri del Nas hanno posto sotto sequestro oggi 26 tonnellate di carne bovina macinata cotta e surgelata della Nestlé.

SEQUESTRO CAUTELATIVO - Le operazioni, spiega il ministero in una nota, hanno avuto luogo da parte del Nas di Torino presso la S.A.F.I.M. di None dove sono state sottoposte a sequestro cautelativo sanitario 19 tonnellate di carne bovina macinata cotta e surgelata della Nestlé per un ulteriore campionamento da sottoporre all'Izs del Piemonte per la ricerca del Dna di cavallo e di eventuali tracce di farmaci non ammessi. Analoga operazione è stata effettuata dal Nas di Alessandria presso lo stabilimento Nestlé di Moretta (CN) per un totale di oltre 7 tonnellate.
Il sequestro cautelativo sanitario rappresenta una misura coercitiva temporanea di carattere sanitario che consente di vincolare le derrate alimentari fino all'esito delle analisi. Fino ad oggi i carabinieri dei Nas hanno eseguito oltre 100 campioni di prodotti a base di carne bovina macinata di 60 marche diverse.