8 aprile 2020
Aggiornato 18:30
In regione un «mobilificio» su venti di tutta Europa

Salone del Mobile, per 6 visitatori su 10 momento centrale dell’attrattività di Milano

Per uno su cinque più graditi feste e aperitivi. Il 12% stupito dalla creatività, il 28% dall’innovazione Design & co.: in Lombardia sono oltre 34.000 le imprese creative. Milano prima nel settore dell’abbigliamento, Monza e Brianza nel legno-arredo

MILANO - Il mondo della creatività ha casa in Lombardia. Sono complessivamente oltre 34.000 le imprese lombarde che spaziano nei diversi comparti creativi, dal design puro a quello applicato ai vari settori manifatturieri. Milano si conferma regina della moda, Monza e Brianza del legno arredo. 10.856: tante sono le imprese legate alla creatività nella provincia di Milano nel 2012. Il dato costituisce il 31,5% di quelle attive in Lombardia (34.431). A Milano, imprese di design vuol dire moda (2.611), design specializzato (1.573, con una crescita del 2,7% rispetto allo scorso anno) e gioielleria (771, con una flessione di -0,4%% rispetto al 2010). A Monza e Brianza ci sono più di 1500 imprese attive nel legno-arredo, anche se crescono di più le imprese di design specializzato (+4,7% in un anno). Anche Brescia è terra di design con 4.237 imprese seguita da Bergamo e Varese. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano e dalla Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese.

«Il design è la nostra cifra – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza - sintetizza artigianato e qualità, esperienza e ricerca del bello. Le imprese del legno arredo della Brianza guardano con aspettativa al Salone del mobile per la visibilità e la dimensione internazionale dell’evento e per le opportunità che può aprire sui mercati internazionali. Opportunità che siamo determinati più che mai a voler cogliere.»

Le reazioni dei visitatori italiani e stranieri. Il 61,9% dei visitatori italiani e stranieri pensa che il Salone abbia un impatto positivo, dando lustro alla città e come momento centrale di attrattività. L’11,8% è rimasto a bocca aperta di fronte alla bellezza dei prodotti esposti, mentre il 27,8% ha mostrato apprezzamento per le novità tecnologiche. Se il 3,9% sottolinea che il salone è stata l’occasione per fare affari, sono molti di più quelli che hanno gradito soprattutto le feste e gli aperitivi (17,3%). I prodotti di design sono innovativi (58,6%) ed ecosostenibili (4,6%). Puntano a realizzare una casa sempre più a misura d’uomo: perché «il design deve rispondere a bisogni umani» e soddisfare esigenze reali (13,2%), ma senza dimenticare la bellezza estetica dell’oggetto in sé (12,6%). Emerge da un’analisi su 25 mila tweet digitati nei giorni della scorsa fiera, realizzata dalla Camera di commercio di Monza e Brianza attraverso Voices from the Blogs.

Un mobilificio su venti di tutta Europa. Imprese del design in Lombardia: confronto con l’Europa (dati Eurostat). Con oltre 6 mila imprese nel settore della fabbricazione di mobili, 1 su 6 a Milano, la Lombardia è la prima regione in Europa. Una importanza che va oltre il livello regionale: se considerassimo anche i singoli stati, la Lombardia risulterebbe superata solo da 6 nazioni, risultando al settimo posto in assoluto, con il 5% del numero complessivo di imprese attive nel settore nell’intera Europa. Il peso dell’Italia sale a ben il 22% (1 impresa ogni 5: oltre 26 mila), seguita dalla Spagna (con 17 mila imprese) e dalla Francia (ferma a quasi 16 mila). Al quarto posto la Polonia. Seguono Regno Unito e Portogallo. A Milano sono 1.032 le imprese del settore. Ma oltre ad essere tante, sono anche innovative: la Lombardia è al terzo posto tra le regioni europee per numero assoluto di brevetti EPO nel settore dei mobili, preceduta solo dai due Land tedeschi NordRhein Westfalen e Baden-Württemberg, mentre è al quarto posto se pesiamo il numero di brevetti europei per il totale della forza lavoro, preceduta solo dal Land austriaco del Vorarlberg, dal Veneto e dalle Marche. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Eurostat 2010 su oltre 200 regioni europee.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal