24 maggio 2019
Aggiornato 09:30
Gli effetti della riforma Monti-Fornero

Mastrapasqua: Gli esodati avranno la pensione

Gli esodati avranno «sicuramente» la pensione. Lo ha assicurato il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua, ospite de «La telefonata di Belpietro» su Canale 5. Alla domanda se gli esodati percepiranno la pensione, Mastrapasqua ha risposto: «Sicuramente sì». Bonanni: «Conti in ordine anche prima della riforma Fornero»

MILANO - Gli esodati avranno «sicuramente» la pensione. Lo ha assicurato il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua, ospite de «La telefonata di Belpietro» su Canale 5. Alla domanda se gli esodati percepiranno la pensione, Mastrapasqua ha risposto: «Sicuramente sì».
«C'è stato il primo decreto, la Direzione territoriale del Lavoro con l'Inps sta facendo il primo screening sui famosi primi 65mila, il 21 novembre scade il termine per fare le domande - ha spiegato - il secondo decreto per i secondi 55mila è in pubbliazione sulla Gazzetta, anche lì ci saranno i tempi per fare le domande e per verificarle».

Conti Inps a posto, siamo i più virtuosi in Europa - «Tutte le riforme (pensionistiche, ndr) stanno funzionando, i conti sono a posto e il sistema è stabile e in sicurezza».
«Le riforme di oggi e di ieri pongono l'Italia forse come il paese più virtuoso nel panorama europeo e la spesa previdenziale per il bilancio dello Stato, per la finanza pubblica è qualcosa di veramente importante»
Alla domanda se fosse necessaria la riforma Fornero, alla luce degli ultimi dati dell'Inps che hanno visto un crollo delle nuove pensioni nei primi nove mesi del 2012 dovuto alle precedenti riforme Damiano e Sacconi, Mastrapasqua ha risposto: «La riforma Fornero è la conclusione di una lunga transizione, durata quasi 20 anni». Il Governo Monti «ha avuto il coraggio di chiudere questa lunghissima transizione, tutto conseguenza di scelte fatte tanti anni fa».

Bonanni: Conti in ordine anche prima della riforma Fornero - I dati resi noti dall'Inps ieri sul crollo delle nuove pensioni «ci portano a chiederci a cosa servisse allora la riforma Fornero». A dirlo, intervistato dal Gr3, è il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni. «Va bene rendere più solido e sicuro il sistema previdenziale ma poi ci sono stati purtroppo degli eccessi a partire dal caso degli esodati e dal fatto che non si è tenuto conto dei lavori più o meno usuranti».
«Spero che nel tempo si possa supplire a queste vicende e al ministro Fornero chiedo di non scavalcare mai più le parti sociali su temi così importanti».