3 aprile 2020
Aggiornato 23:30
Caro benzina

Nuovo record della «verde». Adoc: Sconti durino fino a fine anno

Non cambia almeno per ora il copione sulla rete carburanti nazionale «servita». Secondo il monitoraggio di Quotidiano Energia sono ancora in aumento le medie dei prezzi e le punte: le prime registrano 1.928 euro al litro per la benzina e 1,810 per il diesel. Scaroni: Consumi in caduta ma prezzi non scenderanno

ROMA - Non cambia almeno per ora il copione sulla rete carburanti nazionale 'servita'. Secondo il monitoraggio di Quotidiano Energia sono ancora in aumento le medie dei prezzi e le punte: le prime registrano 1.928 euro al litro per la benzina e 1,810 per il diesel; le seconde scontano l'ennesimo record territoriale della «verde» in alcune regioni del Centro, dove gioca il fattore addizionali, con 2,019 euro al litro, mentre il diesel staziona a 1,850.

Prezzi in leggera salita - A fronte di quotazioni internazionali dei prodotti in leggero ribasso per effetto cambio, i prezzi praticati sono dunque in leggera salita sull'onda degli ultimi ritocchi dei prezzi raccomandati che oggi, però, risultano fermi. In particolare, c'è da constatare che nelle regioni ad accisa locale più elevata della media nazionale i prezzi della benzina 'serviti' sono superiori ai 2 euro per la maggior parte dei marchi negli impianti che non effettuano sconti o praticano prezzi ridotti unicamente nella modalità self.
In ogni caso è ipotizzabile che, qualora le quotazioni internazionali salissero a causa dell'instabilità dei mercati e/o di fenomeni eccezionali (meteo, Venezuela) la soglia dei 2 euro possa essere superata in maniera diffusa anche in altre regioni del Centro-Sud. No logo, a loro volta, stabili o in leggera salita.
A livello paese, il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità 'servito') va dall'1,918 euro/litro di Esso all'1,928 di TotalErg (no-logo a 1,829). Per il diesel si passa dall'1,801 euro/litro sempre di Esso all'1,810 di IP, Esso e TotalErg (no-logo a 1,702). Il Gpl infine è tra 0,779 euro/litro di Eni e 0,790 di Q8 (no-logo a 0,768).

Scaroni: Consumi in caduta ma prezzi non scenderanno - «I consumi sono in caduta. Siamo intorno all'8-9%». Lo dice l'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni, in un'intervista al quotidiano Il Messaggero parlando dei consumi di carburante.
Scaroni sottolinea che «l'euro debole che ci penalizza. Difficile quindi pensare a un raffreddamento dei prezzi a livello internazionale». E sulle accise aggiunge: «La situazione finanziaria del paese non credo lascia margini di manovra». Dopo il successo dello scontone nei week-end, l'ad dell'Eni promette altre «iniziative importanti» per andare incontro ai consumatori.

Adoc: Eni non vada in ferie, sconti durino fino a fine anno - L'estate sta volgendo al termine così come gli sconti sui carburanti operati da Eni. Per l'Adoc «la compagnia dovrebbe mantenere attiva la promozione almeno fino a fine anno, alla luce anche dei recenti aumenti che hanno scosso i prezzi alla pompa».
«L'Eni non può andare in ferie, chiediamo che gli sconti sui carburanti continuino fino a fine anno - dichiara Lamberto Santini, presidente dell'Adoc - dando così un segnale forte al Paese, alle famiglie, ai consumatori e alle imprese, garantendoli dai rialzi dei listini».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal