23 febbraio 2020
Aggiornato 12:30
Contrasto all'evasione fiscale

Fisco, Gdf: A Milano controllati 115 esercizi, incassi medi +44%

Emblematico è stato il caso di un esercizio in cui i ricavi sono lievitati di oltre il 200%. In 33 locali trovati 116 lavoratori in nero. La Polizia Locale ha svolto inoltre un'attività di controllo stradale, finalizzato, fra l'altro, all'individuazione degli effettivi utilizzatori delle 358 autovetture di lusso fermate

MILANO - I controlli effettuati dai funzionari del fisco, dagli ispettori dell'Inps e dagli agenti della Polizia Locale nei luoghi della movida milanese nella serata di sabato 28 gennaio hanno permesso di rilevare nei 115 esercizi controllati un aumento sensibile degli incassi, che si è attestato su una media del 44% in più rispetto al sabato precedente. Emblematico, si legge in una nota, è stato il caso di un esercizio in cui i ricavi sono lievitati di oltre il 200%. Inoltre, in 55 esercizi sono state riscontrate diverse irregolarità relative al mancato aggiornamento dei registri dei corrispettivi, alle emissioni degli scontrini fiscali, alle incongruità con le dichiarazioni presentate ai fini degli studi di settore (per esempio, numero dei beni strumentali comunicati: tavoli, sedie, grandi elettrodomestici). Infine, in 33 locali sono stati riscontrati 116 lavoratori in nero.
La Polizia Locale ha svolto inoltre un'attività di controllo stradale, finalizzato, fra l'altro, all'individuazione degli effettivi utilizzatori delle 358 autovetture di lusso fermate.

PALUMBO - «Sono soddisfatto di come l'operazione è stata condotta - ha dichiarato Carlo Palumbo, Direttore Regionale dell'Agenzia delle Entrate della Lombardia - soprattutto perché ci sono stati rivolti apprezzamenti per la professionalità dei nostri funzionari da parte degli stessi titolari dei locali. In ogni caso, per quanto ci riguarda si tratta di un'operazione che rientra fra quelle programmate per mantenere un elevato presidio del territorio. La collaborazione e il coordinamento con l'Inps e il Comune - che voglio ringraziare - inoltre, hanno funzionato molto bene. Grazie a questa iniziativa abbiamo raccolto informazioni molto utili che, in una fase successiva, saranno valutate in contraddittorio con il contribuente. Credo che la maggior parte dei commercianti apprezzi tali iniziative in quanto è ben consapevole dell'effetto distorsivo della concorrenza che viene causato da chi non rispetta gli obblighi di legge».

TABACCI - «I controlli in materia fiscale e di rispetto sulla normativa del lavoro - ha aggiunto l'assessore al Bilancio del Comune di Milano Bruno Tabacci - sono necessari per evitare, come ha detto più volte il presidente del Consiglio Mario Monti, che gli evasori continuino a dare pane avvelenato ai loro figli. le Istituzioni devono fare il loro dovere e il Comune di Milano vuole essere in prima fila».