23 settembre 2020
Aggiornato 17:30
Parla il patron di Davos

Schwab «sconfessa» il capitalismo: non funziona più

In un'intervista al Financial Times Deutschland nel giorno dell'avvio del World Economic Forum, il patron di Davos mette in dubbio l'attualità della ricetta capitalistica: La Finanza e la politica non sono riuscite ad evitare le perversioni

ROMA - Il sistema capitalistico non si adatta più alla nostra società, parola di Klaus Schwab. In un'intervista al Financial Times Deutschland nel giorno dell'avvio del World Economic Forum, il patron di Davos mette in dubbio l'attualità della ricetta capitalistica: «Viviamo ormai in un mondo assolutamente interconnesso», spiega Schwab, in cui non si può più parlare di «elite» nel senso tradizionale del termine.

Il capitalismo attuale non funziona più - «Le vecchie strutture di forza non funzionano più - spiega Schwab - perché ormai i centri di potere si sono spostati su livelli differenti, ci sono un'infinità di nuovi attori, un'economia globale interconnessa, più trasparenza e maggiori possibilità di espressione delle proprie opinioni e della propria influenza».
Poi il fondatore di Davos riconosce: «I politici, ma in definitiva tutti noi, abbiamo rinunciato a porre dei paletti agli eccessi della finanza. E non siamo stati in grado di introdurre quelle regole necessarie ad evitare una perversione generale del sistema. Si può ben dire - continua Schwab - che il sistema capitalistico, nella sua formulazione attuale, non si adatta più al nostro mondo».