5 aprile 2020
Aggiornato 02:30
Prezzi | Caro carburanti

Benzina, record al Centro per effetto delle addizionali

La «verde» ormai viaggia verso l'1,8 euro al litro. Al Nord lo scenario cambia considerevolmente: l'area orientale si confermanon lontana dalla media europea, mentre quella occidentale risulta appesantita dalle addizionali applicate in Piemonte e Liguria

ROMA - Prosegue l'adeguamento dei prezzi praticati alle nuove addizionali sulla benzina in vigore dal 1 gennaio in sei regioni. Anche oggi si registrano aggiustamenti al rialzo nelle aree del paese interessate dai provvedimenti fiscali. Tanto che il primato del caro prezzi, che tradizionalmente spettava al Sud, adesso tocca invece al Centro, almeno per quanto riguarda la benzina. In questa macroarea, infatti, la 'verde' arriva ormai a sfiorare la punta massima di 1,8 euro/litro negli impianti Tamoil, sui quali pesa anche un aumento dei listini di 0,6 centesimi.

Al Nord lo scenario cambia considerevolmente: l'area orientale si conferma fortemente competitiva e non lontana dalla media europea, mentre quella occidentale risulta appesantita dalle addizionali applicate in Piemonte e Liguria. E' quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it.
A livello paese, il prezzo medio praticato dalla benzina (in modalità servito) va oggi da 1,731 euro/litro degli impianti Shell all'1,739 di quelli Tamoil (no-logo in salita a 1,642). Per il diesel si passa dall'1,695 euro/litro di Eni all'1,702 di Tamoil (no-logo a 1,601). Il Gpl è tra gli 0,743 euro/litro di Eni e lo 0,756 di Tamoil (no-logo a 0,726).

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal