22 febbraio 2020
Aggiornato 17:30
BioEnergy Italy 2012

Fondamentale fare cultura sulla produzione di energia da fonti rinnovabili

Nell’ambito della manifestazione fieristica punto di riferimento per il settore (in programma alla Fiera di Cremona dal 15 al 17 marzo 2012), verrà premiata la migliore tesi di laurea sulle rinnovabili

CREMONA - Il mercato delle fonti rinnovabili di energia è in fermento: l’interesse cresce costantemente, gli investimenti aumentano, gli attori del settore si moltiplicano. Questo perché il comparto sta dimostrando concretamente le sue potenzialità su tutti i fronti. Ma quali sono i motori di un settore che vede l’Italia giocare un ruolo di primo piano a livello internazionale? Certamente la tecnologia, il know-how, la visione imprenditoriale di aziende agricole, amministrazioni territoriali e industria di trasformazione alimentare; tuttavia non bisogna sottovalutare una delle spinte che può essere più decisiva nello sviluppo del settore: la cultura delle rinnovabili.

La produzione di energia pulita, infatti, rappresenta sempre più spesso una scelta sì etica, ma soprattutto razionale, consapevole ed economica. Per questo la crescita del settore va a braccetto con una sempre maggiore consapevolezza dei vantaggi, del know.how, del business. Ed è per questo che la diffusione della cultura delle rinnovabili va alimentata e incentivata, come in occasione di BioEnergy Italy, il punto di riferimento fieristico per il settore, in programma a Cremona dal 15 al 17 marzo 2012. Nell’ambito della manifestazione, CremonaFiere, DLG International, Legambiente e UNCEM (Unione Nazionale Comuni, Comunità e Enti Montani) hanno organizzato la seconda edizione del Premio BioEnergy Best Practices, che va ad evidenziare i migliori progetti nel settore delle fonti rinnovabili.

Una delle categorie premiate sarà dedicata ai laureati di qualsiasi facoltà che hanno presentato e discusso negli anni 2010 e 2011 una tesi di laurea sul tema dell’uso delle bioenergie in agricoltura.
La trattazione può riguardare uno o più dei seguenti aspetti: innovazione organizzativa o tecnologica, agro-ecologia, economia agraria, valutazione di filiere o prodotti derivati da materie prime agricole, politiche per i territori rurali, normativa. Un’iniziativa volta proprio ad alimentare la conoscenza e la diffusione delle buone pratiche nel settore delle rinnovabili.
Ai vincitori della categoria, oltre all'opportunità di divulgazione della propria tesi, sarà assegnato un premio lordo di 700 euro. Partecipare è facile e totalmente gratuito. E' sufficiente inviare il titolo e l’abstract della tesi (massimo 4.000 caratteri spazi inclusi), entro il 15 dicembre 2011 a info@chimicaverde.it indicando:
• Nome e Cognome
• Indirizzo (Via, Città, Cap, Provincia)
• Telefono, e-mail

Per maggiori informazioni su BioEnergy Italy 2012, e per scoprire il ricco programma di convegni, seminari, workshop e visite guidate, potete visitare il sito www.bioenergyitaly.it