10 luglio 2020
Aggiornato 07:30
Intervista ad Affari&Finanza della Repubblica

Alitalia: Sabelli: guerra con Fs è finita, ora intermodalità

L'AD di Alitalia: «Se ne parla da sempre ma se guardiamo gli aeroporti italiani e cerchiamo tra essi quale è connesso con reti ad alta o anche media velocità non ne troviamo nessuno»

ROMA - «Le cose si sono assestate, siamo in competizione sulla rotta Roma-Milano dove la concorrenza ha fatto bene a tutti e due, anche ai passeggeri, ma ormai lo spostamento da un mezzo all'altro si è stabilizzato». Lo afferma l'amministratore delegato di Alitalia, Rocco Sabelli in un'intervista ad Affari & Finanza di Repubblica parlando della competizione con Fs.

«Urgente collegare decentemente Termini con Fiumicino» - Dopo la «guerra», sottolinea, «dovrebbe finalmente venire quello che noi chiediamo ogni giorno da tre anni, ovvero lo sviluppo di un vero sistema intermodale. Se ne parla da sempre ma se guardiamo gli aeroporti italiani e cerchiamo tra essi quale è connesso con reti ad altra o anche media velocità non ne troviamo nessuno. Nessun aeroporto del nostro Paese - aggiunge - è connesso con altre reti e visto che gli aeroporti è difficile spostarli dovrebbe essere la ferrovia a raggiungerli e mi sembra che questo non stia avvenendo».
Secondo Sabelli, la prima cosa da fare, «è collegare decentemente Termini con Fiumicino che non è solo l'hub di Alitalia, ma è l'hub dell'Italia e della sua capitale». Parlando poi delle possibili connessioni tra Alitalia ed Fs, Sabelli cita l'esempio della Germania dove, dice «la collaborazione con Deutschebahn è già operativa con l'intermodalità. Ovvero vendiamo un biglietto unico per Colonia».