10 luglio 2020
Aggiornato 21:00
Indagine Excelsior

Mercato del lavoro nel VCO: meno assunzioni nel IV trimestre dell’anno

VERBANIA - Sono circa 140 le assunzioni previste dalle imprese provinciali per gli ultimi 3 mesi 2011 in prevalenza nei servizi e a tempo determinato. Il clima di incertezza e l’indebolimento della congiuntura economica non favoriscono la domanda di lavoro. A questo si aggiunge la debole stagionalità del periodo, elemento significativo nel mercato del lavoro provinciale, e la tendenza delle imprese ad instaurare nuovi rapporti di lavoro all’inizio del nuovo anno. E’ quanto emerge dall’indagine previsionale Excelsior relativa al periodo ottobre – dicembre 2011, realizzata dal sistema delle Camere di commercio in collaborazione con il Ministero del Lavoro e con il contributo del Fondo Europeo.

Le assunzioni previste nel IV° trimestre dell’anno (140 unità in v.a.) sono in contrazione rispetto a quelle programmate nel trimestre precedente (320 unità in v.a.). Nel periodo luglio – settembre peraltro oltre il 50% riguardava assunzioni stagionali, estremamente ridotte nell’ultima parte dell’anno. La tendenza viene confermata anche a livello nazionale, dove a fronte delle oltre 162 mila assunzioni nel periodo luglio – settembre, ne seguiranno poco meno di 92 mila nell’ultimo trimestre 2011.

La presenza di personale in esubero all’interno delle imprese è uno dei tanti fattori che incidono negativamente sul livello della domanda di lavoro. In questo contesto le imprese del VCO con dipendenti hanno previsto di effettuare circa 5 assunzioni ogni 1.000 dipendenti presenti nelle imprese, dato inferiore alla media regionale (7,2) e nazionale (7,9).

Quasi il 53% delle assunzioni previste nel IV° trimestre nel VCO riguarderà contratti a tempo determinato (58% in Piemonte, 63% in Italia), prevalentemente nel comparto dei servizi. Poco più del 27% quelli a tempo indeterminato, percentuale che resta inferiore al resto della regione (33%) e del Paese (29%).

Tre quarti delle assunzioni previste (circa 110 unità) si concentrano nei servizi, mentre l’industria (costruzioni comprese) dovrebbe assorbire soltanto un quarto dei nuovi assunti. Il comparto della ristorazione, con la previsione di 60 assunzioni concentra il 40% della domanda di lavoro provinciale. Quali professioni vengono richieste? Ben 80 unità tra impiegati, professioni commerciali e nei servizi. Delle 130 assunzioni non stagionali previste, il 37% riguarderanno personale con diploma di scuola secondaria superiore, il 20% con qualifica professionale e oltre il 36% senza nessuna formazione specifica, dato superiore alla media regionale (25%) e nazionale (28%) a cui si affianca il dato relativo alle richieste di personale laureato: 6% per il VCO a fronte di un 18% del Piemonte e 15,5 la media nazionale.

È utile inquadrare i risultati dell’indagine Excelsior nel contesto della situazione congiunturale, con particolare riferimento all’andamento delle ore di cassa integrazione guadagni richieste dalle imprese del VCO. Nei primi nove mesi dell’anno in provincia ad ogni occupato nel comparto industriale corrispondono 105 ore di cassa integrazione, valore che resta comunque inferiore alla media nazionale (112) e regionale (189).

Nel periodo gennaio – settembre 2011 le ore autorizzate di cassa integrazione guadagni nel VCO superano i 2 milioni e 400 mila (in calo del 13% rispetto allo stesso periodo 2010): di cui 810 mila relative a «cassa» ordinaria, 885 mila «cassa» straordinaria e 720 mila «in deroga».