15 luglio 2020
Aggiornato 13:00
Matteo Lunelli nuovo presidente

Cambio al vertice di Cantine Ferrari

Pur mantenendo la fisionomia di azienda familiare, il gruppo Lunelli si è aperto a contributi esterni di alto livello

TRENTO - Gino Lunelli lascia dopo oltre mezzo secolo la guida delle Cantine Ferrari, casa leader per le bollicine metodo classico. Gli succede nella carica di presidente il nipote Matteo Lunelli, 37 anni, entrato in azienda nel 2003 dopo 5 anni di esperienza all' estero. Gino Lunelli, cavaliere del lavoro, che aveva fatto il suo ingresso in Ferrari nell' ottobre del 1958, affiancando il padre Bruno e dividendosi tra lavoro e studi universitari, è stato nominato presidente onorario e per la prima volta non avrà, così come ha chiesto, incarichi operativi. Con questo scambio di consegne, si conclude il ricambio generazionale nella stanza dei bottoni delle Cantine Ferrari avviato nel 2005. Allora Marcello, Matteo e Camilla Lunelli, ai quali due anni fa s'e' aggiunto Alessandro, avevano assunto ruoli operativi in sostituzione di Gino, Mauro e Franco, i tre fratelli che hanno fatto della Ferrari la prima casa italiana nel metodo classico.

Gino Lunelli aveva però mantenuto la presidenza che passa adesso al nipote Matteo. A Marcello, enologo, fa capo, con l incarico di vicepresidente, la produzione. Camilla è responsabile della comunicazione e dei rapporti esterni, mentre Alessandro è alla guida dell' area tecnica e della programmazione ed entra nel cda della Ferrari e di altre società del gruppo. Pur mantenendo, sia nell'assetto proprietario sia nella governance, la fisionomia di azienda familiare, il gruppo Lunelli si è aperto a contributi esterni di alto livello. Ed è così che, oltre a confermare Guido Pianaroli nel ruolo di amministratore delegato della Ferrari, sono stati cooptati nel consiglio di amministrazione della holding, la Lunelli spa, due personaggi del calibro di Innocenzo Cipolletta e Lino Benassi. Matteo Lunelli dopo la laurea in Bocconi ha maturato un esperienza internazionale lavorando, per cinque anni, nella banca d affari Goldman Sachs a Zurigo, New York e Londra. E entrato nel gruppo di famiglia nel 2003, assumendo progressivamente gli incarichi di amministratore delegato della holding, Lunelli spa, e di presidente della Surgiva, ruoli che manterrà. Il neo presidente delle Cantine Ferrari ha incarichi di rilievo anche al di là del gruppo di famiglia. Siede, infatti, nei consigli di amministrazione della Coster Tecnologie Speciali, multinazionale leader nella produzione di componenti per il packaging, e della Banca di Trento e Bolzano, che fa parte del gruppo Intesa San Paolo. E inoltre membro dell' Advisory Board del Fondo Idea Industria, un fondo di private equity gestito da 21 Partners Sgr. Molto attivo nell' ambito associativo, Matteo Lunelli è presidente dei Giovani Industriali del Trentino-Alto Adige e siede nel comitato esecutivo della Fondazione Altagamma, che riunisce le imprese espressione dell' eccellenza del made in Italy.