31 marzo 2020
Aggiornato 03:30
Nuovo appuntamento con i Sindacati il 6 giugno

Fincantieri: Linee piano non sono «prendere o lasciare»

«E' intenzione dell'azienda proseguire quindi una trattativa con l'obiettivo di pervenire possibilmente a soluzioni condivise»

ROMA - «Come detto nel corso dell'incontro svoltosi alla presenza dei massimi livelli dei sindacati di categoria le linee del piano illustrate sono la fotografia della situazione esistente e prospettica e delle conseguenze che ricadrebbero sull'assetto e sul posizionamento dell'azienda in termini di riduzione della capacità produttiva e relativa riduzione di organico da effettuarsi nel corso dei prossimi anni». E' quanto precisa Fincantieri in una nota nella quale, sottolinea che «le linee del Piano non sono da intendersi come «un prendere o lasciare».

Il sindacato, unitariamente, si legge nella nota, «ha respinto le ricadute in termini di esuberi e di chiusura di siti. Le parti si sono date appuntamento il prossimo 6 giugno per la consegna del piano da parte dell'azienda con l'obiettivo di approfondire sia quanto esposto dalla stessa sia le valutazioni del Sindacato, proseguendo quindi una trattativa con l'obiettivo di pervenire possibilmente a soluzioni condivise».

«Per quanto riguarda il cantiere di Castellammare - prosegue la nota - viene riconfermato, come concordato con le istituzioni locali, che dal mese di settembre prenderà avvio la costruzione dei due pattugliatori della Guardia Costiera, che satureranno in parte il Cantiere per i prossimi due anni. Inoltre, nel corso del 2010, Fincantieri si è fatta carico dell'indotto stabiese, consentendo alle aziende valide e competitive, che non avevano continuità produttiva presso Castellammare, di realizzare un fatturato di oltre 150 milioni di euro presso le altre strutture del Gruppo, impegno che proseguirà nel 2011. Come promesso a più riprese, l'Azienda si farà ancora carico di impiegare parte dei lavoratori di Castellammare come trasfertisti».

«Per quanto riguarda il cantiere di Sestri - conclude la nota - l'azienda conferma che è pronta a firmare l'accordo di programma per Sestri Ponente, come pattuito con tutti gli altri enti coinvolti, e che utilizzerà le opere previste secondo le esigenze del proprio piano industriale, come più volte ribadito alle Istituzioni. Qualsiasi decisione, come da prassi, verrà ovviamente presa a valle delle trattative in corso».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal