29 luglio 2021
Aggiornato 18:30
Italia 150

200mila per il ponte hanno scelto l'agriturismo

E’ quanto stima la Coldiretti sulla base delle prenotazioni ricevute dalle aziende dell’associazione agrituristica Terranostra

ROMA - Oltre 200mila italiani hanno scelto di trascorrere in agriturismo il lungo ponte dell’Unità d’Italia che è l’unico di primavera in un calendario avaro di occasioni per un week end prolungato in vacanza. E’ quanto stima la Coldiretti sulla base delle prenotazioni ricevute dalle aziende dell’associazione agrituristica Terranostra nel sottolineare che l’alloggio in agriturismo si classifica al terzo posto dopo l’albergo e le case secondo l’indagine di Federalberghi. Gli Italiani, che hanno dimostrato di apprezzare sempre di più le brevi occasioni di riposo, svago e relax, anche fuori dei classici periodi dedicati alle ferie estive, si sono preparati per tempo e in molti - sottolinea Terranostra - hanno scelto di viaggiare per le strade del vino e dei sapori, di partecipare a eventi, festival e fiere nel weekend più patriottico dell'anno. Questi obiettivi turistici primaverili si conciliano perfettamente con la scelta di una vacanza agrituristica per la quale va sottolineato il peso sempre maggiore della rete internet attraverso la quale - precisa la Coldiretti - avviene oltre l’80 per cento dei contatti tra domanda e offerta.

Le celebrazioni dell’unità d’Italia offrono quest’anno una occasione in più: ogni cittadina, ogni territorio, ogni comunità ha una sua storia da raccontare, episodi, memorie, un vissuto non ancora così lontano da non poter essere ripresentato e ripercorso. Tra le tante iniziative sparse su tutto il territorio, dal Nord al Sud, va ricordata l’offerta di un menu patriottico, tricolore e a chilometri zero, da parte di molte aziende agrituristiche aderenti a Terranostra. La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è stata - continua la Coldiretti - la qualità più apprezzata dagli ospiti degli agriturismi ma è aumentata nel tempo la domanda di servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, insieme a questo va crescendo anche in termini numerici l'abbinamento con il turismo d'arte. Su un totale di 19019 aziende agrituristiche - conclude la Coldiretti - 15681 offrono alloggio,9335 ristorazione, 3400 degustazioni e ben 10583 altre attività tra le quali prevalgono quelle escursionistiche, quelle sportive, corsi di degustazione, centri benessere, osservazioni naturalistiche, equitazione trekking e mountain bike.