3 agosto 2020
Aggiornato 12:00
Mercato

Roma, aumento tariffe taxi è anticoncorrenziale

Lo afferma l'Antitrust in una segnalazione inviata ieri al Comune di Roma: «Così si favoriscono le rendite di posizione»

ROMA - No ai meccanismi che agganciano gli incrementi delle tariffe dei taxi all'aumento del numero delle licenze. Lo afferma l'Antitrust in una segnalazione inviata ieri al Comune di Roma. In particolare, il criterio in base al quale l'apposita Commissione tecnica, chiamata a giudicare la congruità delle tariffe, ha tenuto conto del rapporto domanda-offerta in caso di ampliamento dell'organico con rilascio di nuove licenze, sembrerebbe essere stato interpretato in senso restrittivo per la concorrenza: il meccanismo avrebbe infatti giustificato aumenti tariffari sulla base della crescita del numero delle licenze verificatosi di recente.

Per l'Autorità il criterio stabilito dalla giunta capitolina avrebbe dovuto invece essere interpretato, al contrario, nel senso di suggerire riduzioni delle tariffe massime a seguito di aumenti dell'offerta, secondo una normale logica di mercato. Il sistema adottato favorisce il mantenimento delle rendite di posizione, in contrasto con i principi più volte richiamati dall'Antitrust, finalizzati a una migliore organizzazione del servizio e a dinamiche virtuose in termini di prezzo nell'interesse dei consumatori.

Secondo l'Antitrust vengono così vanificati altri aspetti positivi della riforma tariffaria stabilita dal Comune, a partire dall'espressa definizione delle tariffe come «tariffe massime», che lascia liberi i conducenti di applicare tariffe inferiori, senza dovere richiedere l'autorizzazione al Comune. Positiva anche la maggiore trasparenza tariffaria, con l'introduzione dell'obbligo a carico del conducente di emettere ricevute automatiche complete di numero di licenza, giorno e ora del viaggio, durata in chilometri e minuti, tariffe effettivamente applicate e specifici riferimenti per eventuali reclami.