15 novembre 2019
Aggiornato 20:30
Congiuntura industriale

Ravenna, si rafforzano i segnali di ripresa

RAVENNA - Nel secondo trimestre dell’anno, in provincia di Ravenna, si rafforzano i segnali di ripresa già evidenti in apertura d’anno. I numeri dell’industria manifatturiera tracciano un profilo coerente di risalita del ciclo congiunturale e per la prima volta dal terzo trimestre del 2008 tornano a mostrare valori positivi.
Questo è quanto emerge dall’indagine congiunturale trimestrale, realizzata dalla Camera di commercio in collaborazione con il Centro studi Unioncamere, condotta su un campione rappresentativo di imprese manifatturiere fino a 500 dipendenti.

«Ci avviciniamo all’appuntamento con la Conferenza economica provinciale - commenta il presidente della Camera di commercio, Gianfranco Bessi - con grandi aspettative.
Dal confronto tra tutti i protagonisti della vita economica, sociale e istituzionale emergerà un nuovo modello di sviluppo locale attento alla ricerca e alla sostenibilità, senza trascurare il rilancio di settori storici, come l’agricoltura e la portualità».

Nel secondo trimestre la produzione industriale cresce dello 0,7% rispetto al 2009, il fatturato dello 0,9% a fronte di prezzi sostanzialmente stabili.
Gli ordinativi aumentano in misura più consistente, +1,7%, e giustificano prospettive moderatamente favorevoli.
Le imprese che si aspettano una ulteriore espansione della produzione per il terzo trimestre rispetto al secondo sono il 24,5% del totale, quelle che si attendono una contrazione il 18,6%.

L’inversione in senso positivo delle tendenze in atto riguarda principalmente le imprese di maggiori dimensioni. L’artigianato manifatturiero, fatto di piccole e piccolissime imprese, segnala una crescita più lieve della produzione (+0,4%) e degli ordinativi (+0,3%) e un dato ancora negativo per il fatturato (-1,0%) con prospettive pessimistiche circa l’andamento nel prossimo trimestre.

Per quanto riguarda i settori industriali sono le industrie meccaniche, chimiche e alimentari a trainare la ripresa registrando rispettivamente aumenti della produzione su base annua del 2,1%, 2,0% e 1,7%.
Al contrario, le industrie della lavorazione dei minerali e le industrie degli apparecchi elettrici ed elettronici continuano a segnalare un calo della produzione pari al -4,3% per le prime e al -1,5% per le seconde.

Il settore dei prodotti in metallo, pur mostrando solo un lieve aumento della produzione (+0,6%), si distingue per una netta ripresa sia del fatturato (+5,5%) che degli ordinativi (+6,8%).
Il settore tessile in forte calo nei mesi precedenti mostra segnali di stabilizzazione.