8 dicembre 2019
Aggiornato 14:30
Trasporto marittimo

Grimaldi: cura dimagrante per Tirrenia

Intervista a Repubblica dell'amministratore delegato della compagnia: «L'azienda va liquidata. Servono ammortizzatori sociali»

ROMA - Mettere in cura dimagrante la Tirrenia cercando di ridurre al massimo le attività in perdita, tutelare i marittimi e amministrativi attraverso gli ammortizzatori sociali e poi liquidare senza indugi la flotta pubblica dopo aver messo a gara i singoli pezzi. Questa la ricetta di Manuel Grimaldi, amministratore delegato della Grimaldi Navigazione, illustrata in un'intervista alla Repubblica.

I CONTI PEGGIORANO - «Allo stato attuale - dice Grimaldi - l'azienda continua a peggiorare i suoi conti e malgrado gli aiuti che continua a ricevere non è mai riuscita a raggiungere risultati soddisfacenti al punto di aver bisogno si ulteriori interventi. Io credo - spiega - che l'unica vera strada da seguire, peraltro già battuta da altri Paesi, sia quella di un'interpretazione molto netta del ruolo di commissario che è un liquidatore». Secondo l'armatore, «tocca a lui portare avanti un piano che garantisca ai marittimi e agli amministrativi un giusto paracadute e consenta agli altri di ricollocarsi presso gli armatori privati. Non c'è paragone - aggiunge - fra il costo degli ammortizzatori sociali e quanto lo Stato deve versare come contributi, più di un miliardo di euro. La Tirrenia va venduta e liquidata».