3 aprile 2020
Aggiornato 23:00
Federalismo fiscale

Confedilizia: sul progetto di federalismo, parti sociali non interpellate

ROMA - Il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha così dichiarato: «Il testo sul federalismo fiscale che approda domani in Consiglio dei ministri non è stato sottoposto alle parti sociali interessate (che pure ne hanno fatto richiesta), è stato contrattato solo con i suoi beneficiari, gli enti locali. Anche la relazione che l'accompagna è totalmente ignota, nonostante ogni richiesta, alla categoria di chi dovrà pagare la più pesante imposta che col federalismo viene istituita, quella su condominii e case in genere. In questa situazione, e prima di ogni confronto, nessuna attendibilità può essere attribuita alle indicazioni di spesa, di risparmio e di livello di tassazione che vengono fatte circolare. I punti oscuri sono allo stato molti, dalla vera fine del catasto alle tasse di scopo che i Comuni potranno istituire in aggiunta alla nuova imposta immobiliare, alla base imponibile di quest'ultima, alla inclusione o meno in essa dei soli immobili della proprietà diffusa o anche di quelli del grande capitale, da anni protetti da agevolazioni che si negano invece (è il caso della cedolare secca) alla piccola proprietà».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal