25 aprile 2024
Aggiornato 07:00
I vertici mondiali | G20

L'UE vuole una tassa europea sulle banche

La France Presse anticipa la bozza del documento per il vertice di Toronto della settimana prossima

BRUXELLES - Al prossimo vertice G20 i leader dei Paesi dell'Unione europea intendono portare il loro sostegno la settimana prossima a una tassa esclusivamente europea sulle banche, per assicurarsi che contribuiscano a pagare il prezzo della crisi. Lo indica la bozza di un documento di cui la France Presse ha ottenuto una copia.

L'ideale, per i Paesi Ue, è che una simile tassia sia istituita a livello internazionale. Si esprimeranno in tal senso in occasione del prossimo vertice del G20 a Toronto, a fine giugno. Tuttavia è già chiaro che un consenso a livello mondiale non esiste, come ha dimostrato la recente riunione del G20 a livello dei ministri delle Finanze in Corea del Sud, a causa dell'opposizione di nazioni come il Canada, il Brasile, l'India e l'Australia. In queste condizioni, l'Europa è ormai pronta ad muoversi per prima da sola.

La bozza del testo finale del vertice dei capi di stato e di governo dei Paesi Ue, previsto il 17 giugno a Bruxelles, sottolinea che «il Consiglio europeo è d'accordo perchè sia introdotta una tassa sulle istituzioni finanziarie per garantire che contribuiscano a pagare il prezzo della crisi». I leader intendono chiedere ai loro ministri delle Finanze e alla Commissione europea di riferire sulla forma che una tassa del genere potrebbe prendere «nell'ottobre 2010», indica il documento.